Allarme caldo per altre 24 ore ma poi arriva pioggia e grandine

Ancora afa e disagi per le correnti torride ma la Protezione civile mette in guardia sul weekend: gli eventuali temporali saranno a tratti intensi con forti raffiche di vento e rovesci

Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione civile del Veneto, fa ben sperare per un raffreddamento delle torride temperature di questi ultimi giorni ma mette in guardia circa un'odata di maltempo che potrebbe sfociare in grandine. "Da domani, giovedì 20 - spiega la nota - e fino alle prime ore di venerdì 21, ci sarà una maggiore instabilità con probabili rovesci o temporali sparsi sulle zone montane e locali sulla pedemontana. Non si esclude qualche isolato fenomeno anche in pianura. Gli eventuali temporali potranno localmente risultare a tratti intensi, con grandinate, forti raffiche di vento e rovesci".

Lo stesso Centro funzionale decentrato della Protezione civile ha dichiarato per rischio idrogeologico lo "stato di attenzione" e "stato di pre-allarme" fino alle 8 di venerdì per rischio idrogeologico. Le aree monitorate sono il bacino su Vene-A "Alto Piave" (corrispondente a quasi l'intera provincia di Belluno). Stessa valutazione a livello locale in caso di temporali intensi, dalle 14 di giovedì 20 giugno, alle 8 di venerdì 21 giugno, per i bacini Vene-B (Alto Brenta-Bacchiglione), Vene-C (Adige-Garda e Monti Lessini), Vene-D (Po, Fissero - Tartaro - Canalbianco e Basso Adige), Vene-E (Basso Brenta-Bacchiglione), Vene-F (Basso Piave - Sile e Bacino Scolante in Laguna), Vene-G (Livenza-Lemene-Tagliamento).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spiega la Protezione civile: "Alle amministrazioni locali il compito di attuare le procedure di allertamento dovute a conclamate criticità o particolari sofferenze idrogeologiche e idrauliche presenti nel territorio di competenza. In particolare i Comuni caratterizzati dalla presenza di fenomeni di colate rapide dovranno attivare idonee azioni di controllo del territorio in quanto tali fenomeni di dissesto sono particolarmente sensibili alle precipitazioni temporalesche intense".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento