Casa a Venezia, un lusso per pochi? "Voglio vivere qui, ma trovare alloggio è impossibile"

Architetto 26enne, lo stipendio c'è ma l'appartamento sembra un miraggio. Quindi sta in una stanza doppia: "Vedo molta ipocrisia, alcuni veneziani contribuiscono a far diventare la città un parco giochi. Ma spero di viverci per sempre"

Può sembrare la storia dell’ultimo eroe coraggioso impegnato in un’impresa disperata, ma non è così. Sono tanti coloro che cercano, letteralmente, il proprio posto a Venezia. Città unica al mondo (e non è un modo di dire), il capoluogo lagunare affascina e attira persone che vogliono viverci, consapevoli di tutto ciò che questo comporta. Solo che a volte la forza di volontà non basta. Dove sono finiti i veneziani? Scappati oltre il ponte, disgustati da questa invasione turistica ma contemporaneamente allettati dall’opportunità economica che comporta il possesso di un immobile in uno dei luoghi più visitati al mondo?

La situazione degli alloggi a Venezia pare essere precipitata negli ultimi anni. “Sono arrivato dal sud Italia nel 2009 - racconta Marco (nome di fantasia), architetto 26enne - Mi ero iscritto allo Iuav, a quei tempi si riusciva a trovare un posto in doppia a 200 euro. Da allora però i prezzi sono saliti di anno in anno, ma soprattutto è sempre più difficile trovare una stanza. La domanda è altissima, specie da parte di studenti, e l’offerta cala”. Alloggi per studenti o residenti circondati, soffocati da alberghi, affittacamere, b&b destinati esclusivamente a turisti. Perché così ci si guadagna di più. E poi bar e negozi di cianfrusaglie ad uso esclusivo dei visitatori. Negli ultimi 10 anni si sono letteralmente moltiplicati.

Il problema è anche peggiore per i lavoratori, quelli che magari hanno maggiore disponibilità economica e che preferirebbero, se non una casa propria, almeno una stanza singola: “Quelle praticamente non esistono - spiega - Sono alla ricerca da più di un anno, ma non si riesce a trovare una sistemazione che non sia a prezzi improponibili o una completa bettola dalle condizioni disastrose. Anzi, spesso le cose vanno a coincidere”.

È una questione ampiamente conosciuta e dibattuta, ma l’appello è ancora più forte alla luce di quanto detto diverse volte dal sindaco Luigi Bugnaro: dobbiamo fare in modo che i giovani restino qui. Quindi, casa e lavoro. “Per ora mi sono rassegnato a restare in doppia, almeno nel mio caso i proprietari di casa hanno confermato le condizioni economiche degli scorsi anni - continua Marco - Ma ho degli amici, anche loro giovani lavoratori, che stanno cercando da mesi e non sono riusciti a trovare una sistemazione dignitosa. Saranno costretti ad adattarsi a stanze inadeguate, magari in triple. Forse a ripiegare su Mestre, ma sarebbe assurdo perché raggiungere il posto di lavoro richiede troppo tempo”.

Si cerca tramite agenzia, ma anche sul web e in particolare su Facebook, dove i gruppi di offerta/ricerca stanze sono molto attivi. Monitorando le proposte, però, spesso ci si imbatte in annunci imbarazzanti. Richieste elevate per alloggi vecchi e fatiscenti.  “È semplice - dice Marco - Se voglio lavorare a Venezia ho bisogno di un appartamento. Sarebbe bello che ci fosse una migliore gestione delle abitazioni e un occhio di riguardo per chi vuole vivere. Io penso che abitare a Venezia sia splendido, e come me lo pensano tanti altri. È una città con equilibri propri, è necessario adeguarsi ai suoi ritmi, al movimento a piedi, all’assenza di macchine. Ci vivrei per sempre. È fortemente culturale, all’avanguardia da questo punto di vista. E poi è possibile instaurare un legame con le persone in modo molto diverso rispetto ad altre realtà”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella di Marco è una provocazione: “Si parla dell'indecenza dei turisti, ci sono veri e propri linciaggi sui social e lamentele anche aggressive. Ma c’è anche l’ipocrisia di chi sta condannando questa città a diventare un parco giochi, impedendo a studenti e giovani lavoratori di far rifiorire la città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento