menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il museo di Altino

Il museo di Altino

Quarto d'Altino meta turistica, puntando su storia e cultura: l'idea parte dai cittadini

È l'obiettivo della nuova associazione Altinum smart, che si propone di valorizzare i "tesori" dell'area in un'ottica turistica. "A Quarto vogliamo cambiare tutto, anche il nome"

"A Quarto d’Altino cambiamo tutto, perfino il nome": comincia già dallo slogan la piccola "rivoluzione" che alcuni cittadini intendono mettere in atto per valorizzare il territorio e la sua storia. Per questo sabato mattina è stata presentata l'associazione Altinum Smart, che parte da da Quarto d’Altino con l'obiettivo di "diventare più grandi, più forti, più riconoscibili". Il gruppo nasce per volere di un gruppo di cittadini e associazioni e, partito da poco, ha già raggiunto diversi consensi. Il progetto verrà poi consegnato alla prossima amministrazione. 

Tante proposte sul piatto, a partire da quella, la più provocatoria, di dare un nuovo nome all’insieme del territorio: Altinum. "Ci rendiamo conto che partire cambiando un nome che ha 70 anni non è un impatto semplice - spiegano Massimo Bisconcin e Michele Masè, presidente e vice presidente dell’associazione - ma crediamo che un nuovo nome sia la scelta migliore per far capire a tutti la voglia di cambiamento. Perché questo è il nostro vero obiettivo: cambiare Quarto per trasformarlo in una realtà turistica di alto livello. Alle spiagge il turismo leggero, a noi quello storico, artistico e culturale”.

Obiettivo centrale della proposta di Altinum smart è ricreare una forte identità territoriale. "Il prossimo quinquennio sarà decisivo per lo sviluppo economico dell’area - spiegano i promotori - La volontà è quella di affrontare il futuro in modo proattivo e rendere il territorio di Altinum riconoscibile in Europa e nel Mondo. Vogliamo aumentare il fascino e l’attrattività dei valori intrinsechi che già rendono unico il territorio: turismo, cultura e agroalimentare. I punti di partenza sono il rafforzamento della comunità lungo le vie d’acqua, la riqualificazione dell’area del Sile e della vicina laguna, lo sviluppo del turismo archeologico e la digitalizzazione dei servizi turistici". Sempre sfrutando le nuove tecnologie digitali.

Altinum smart si impegna concretamente nelle seguenti azioni: identificare le azioni prioritarie tra quelle del programma Europa 2020; unire tutti i soggetti sotto un unico progetto che possa guidare la prossima amministrazione comunale verso uno sviluppo sostenibile, condiviso e partecipato; effettuare attività di partecipazione e ascolto dei cittadini per raccogliere le esigenza del territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento