rotate-mobile
Cronaca Castello / Arsenale

La svedese Artemis vince, in migliaia sulle rive, lo spettacolo in Bacino

Alla fine i catamarani sono arrivati lì dove tutti li stavano aspettando: all'ombra del "Paron", il campanile di San Marco. In migliaia per ammirare Luna Rossa. E gli skipper si emozionano...

Uno spettacolo impossibile da dimenticare per le migliaia di persone che quest'oggi hanno assiepato le rive sul Bacino di San Marco. Dopo tanto aspettare per le bizze del vento e del mare, infatti, i catamarani dell'America's Cup sono spuntati di gran carriera puntando dritto verso il Palazzo Ducale, sfidandosi in una volata in cui l'hanno spuntata gli svedesi di Artemis, rintuzzando una rimonta quasi impossibile di Luna Rossa Piranha. Linea d'arrivo segnata dal "Paron", il campanile di San Marco.

L'America's Cup arriva "in volata" nel Bacino di San Marco

La scelta degli skipper del Team Prada è stata diversa da gran parte degli altri equipaggi. "Allargando" la traiettoria gli italiani hanno evitato di rimanere imbottigliati nella bagarre in Bacino, arrivando a un soffio da mettere la prua davanti a tutti. Terzo l'altro equipaggio di Luna Rossa, Swordfish. "Sarebbero bastati dieci metri e avremmo vinto - ha dichiarato Max Sirena, skipper di Luna Rossa, molto "richiesto" in zona mista per autografi e foto - in ogni caso secondo me è stata giusta la scelta di non gareggiare al Lido, sarebbe stato troppo rischioso".

Le immagini della prima giornata in Arsenale dell'America's Cup

Alla fine sono stati gli svedesi però a dimostrarsi migliori strateghi. Terzi all'entrata nel canale a Sant'Elena, scegliendo di non strambare, hanno avuto la meglio su Oracle Spithill e New Zealand, che erano avanti nella volata finale. Quest'ultimi sono rimasti poi imbottigliati nel traffico e si sono dovuti accontentare delle posizioni di mezza classifica.

Una regata velocissima, soprattutto grazie al forte vento che ha caratterizzato tutta la giornata. La bora era attesa fin dalla nottata, e non si è fatta attendere, spirando sopra i 20 nodi al Lido e costringendo il Comitato di regata a tagliare le due gare previste prima di quella con l'arrivo in Bacino. Anche le condizioni del mare non erano perfette. In più le nove imbarcazioni avevano ancora montate delle "extension" utilizzate con poco vento (come ieri), ma oggi la situazione era opposta. Troppo poco tempo e troppo lavoro smontare gli alberi di tutte le imbarcazioni e "cambiare assetto".

Entusiasmo alle stelle anche dopo che gli Ac45 hanno tagliato il traguardo, con una specie di "giro d'onore" che ha permesso a turisti e veneziani di assistere a uno spettacolo storico anche per l'America's Cup. Le sponde dell'area marciana, quelle dell'isola di San Giorgio e tutta la Riva degli Schiavoni erano piene di appassionati. Amore a prima vista. "Un'emozione fortissima - ha dichiarato a caldo Max Sirena - si può dire che abbiamo gareggiato in un teatro".

 

Visto il mancato svolgimento delle due regate di flotta previste in apertura di giornata, Luna Rossa Piranha, che ieri aveva vinto tutte e tre le manche disputate, si è imposta nella prima parte dell’Arzanà Trofeo Città di Venezia, anticipando i compagni di squadra di Luna Rossa Swordfish e i francesi di Energy Team. Piazzamenti che sono stati premiati con l’assegnazione di parte dei 50mila euro messi in palio come montepremi.

Archiviato il Trofeo Arzanà Città di Venezia, evento organizzato dalla Compagnia della Vela, l’attenzione del pubblico e degli addetti ai lavori si concentra ora verso le regate valide per l’AC World Series, in programma tra giovedì 17 e domenica 20 maggio. I team avranno domani per recuperare le fatiche del week end appena concluso: martedì e mercoledì, infatti, sono previste due sessioni ufficiali di allenamento.

 

IL VIDEO DELLA VOLATONA FINALE A SAN MARCO

 

LO SPETTACOLARE "GIRO D'ONORE" IN BACINO

AMERICA'S CUP A VENEZIA: LO SPECIALE

RESOCONTO DELLA PRIMA GIORNATA

 

TUTTE LE INFORMAZIONI

 

LE MAPPE I campi di regata e il villaggio all'Arsenale

 

LA DIRETTA DI DOMENICA 13 MAGGIO

Ore 16.15: il forte vento ha fatto sì che la regata terminasse in fretta. Spettacolare arrivo della regata conclusiva dell'Arzanàs Trophy City of Venicé in bacino San Marco, vinta con un finale al cardiopalmo dagli svedesi di di Artemis racing, timonati dallo statunitense Terry Hutchinson. Secondo posto Luna rossa Piranha. Terza classificata Luna Rossa Swordfish. Grande spettacolo in bacino San Marco, con tutte le imbarcazioni pronte a dare dimostrazione della propria performante forza e destrezza. Decisiva la tattica degli svedesi, terzi all'entrata nel canale a Sant'Elena, che, scegliendo di non strambare, hanno avuto la meglio su Oracle Spithill e New Zealand, che erano avanti nella volata finale, rintuzzando anche la rimonta dei due catamarani del team Prada. Luna Rossa per pochissimo non ce l'ha fatta, acclamata comunque con forti grida di giubilo dal copioso pubblico accorso. La vincitrice svedese si porta a casa un bottino di ben 30mila euro. La regata era l'unica rimasta in calendario oggi, dopo la cancellazione delle prime due al Lido, a causa del forte vento.

Ore 16: Le imbarcazioni sono partite regolarmente all’altezza dell’isola Novissima davanti al Mose. Rive assiepate di gente in attesa dei bolidi del mare. Si cominciano a vedere le navi da San Marco. Luna rossa, forse, in testa.

 

Al termine dello skipper meeting, che si è tenuto questa mattina, il direttore di regata di America’s Cup Race Management, John Craig, ha confermato la volontà da parte dei team di uscire in mare. Tuttavia il maltempo che si è abbattuto la scorsa notte, con temporali e forte vento un po' su tutto il Veneto, ha costretto a posticipare l'avvio della seconda giornata dell'America's Cup a Venezia. Le regate partiranno alle ore 16 (con un posticipo di 30 minuti, rispetto alla precedente scadenza) anzichè dalle 14, come da programma iniziale. Il ritardo è dovuto alla necessità, da parte dei team, di valutare l'evolversi delle condizioni metereologiche.

Per lo stesso motivo, è stato anche modificato il programma. Partenza all’altezza dell’isola Novissima, con gli striscioni di saluto del Mose all’America’s Cup a fare da sfondo e arrivo in volata in bacino di San Marco. A causa delle condizioni meteo sono state annullate le due regate previste in mare al Lido

La seconda giornata di gare dell’Arzanà’s Trophy City of Venice, dopo le prime sfide di ieri, vede al comando le due imbarcazioni di Luna Rossa, Piranha e Swordfish. Luna Rossa Piranha si era già aggiudicata la tappa partenopea della Coppa America. L'equipaggio appare ora molto in forma.

Allo stato attuale il vento è passato dai 25 nodi abbondanti di stamattina ai 14 nodi. Le imbarcazioni sono già partite dall'Arsenale per raggiungere il Lido. A differenza di ieri, tutti i team si scontreranno: gareggiano anche New Zealeand e la seconda barca di Oracle (Oracle Racing Bundock). C'è grande attesa sulle rive. Chi vincerà la regata di oggi, porterà a casa ben 30mila euro, sull'ammontare complessivo del montepremi di 50mila euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La svedese Artemis vince, in migliaia sulle rive, lo spettacolo in Bacino

VeneziaToday è in caricamento