menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ames, sospeso lo stato di agitazione, i sindacati: "Ma senza accordo sarà sciopero"

Incontro in Prefettura venerdì mattina tra i rappresentanti della società e i sindacati. Tavolo decisivo il 12 ottobre, al quale sarà invitato anche il Comune di Venezia

Si è svolto venerdì mattina in Prefettura un primo tentativo di raffreddamento tra i rappresentanti di Ames, Agitazione dei dipendenti Ames di Venezia
Azienda Multiservizi Economici Sociali del Comune di Venezia, e le organizzazioni sindacali Agitazione dei dipendenti Ames di Venezia
Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Csa, in virtù della vertenza con la società che opera nell'ambito dell'area scolastico-educativa.

Per parte loro, i sindacati hanno ribadito l’esigenza di avere una risposta chiara sui punti al centro della piattaforma votata dall’assemblea che sono l'adeguamento degli organici degli ausiliari e dei cuochi, la sostituzione delle assenze per pensionamenti e maternità, la garanzia sull’erogazione delle indennità contrattuali per i turni di lavoro e la verifica dei carichi di lavoro e sulle competenze del personale. Noinché una maggiore chiarezza sugli orari di lavoro dei servizi.

"Abbiamo ribadito - spiegano i sindacati - che le modifiche al regolamento dei servizi educativi approvato dal Comune prevedono dei cambiamenti che coinvolgono anche il personale di Ames. Le diverse competenze che vengono attribuite con le scelte che sta assumendo il Comune non possono ricadere sulle lavoratrici e sui lavoratori. Vi sono competenze che non sono chiarite in modo adeguato e che creano contrapposizioni tra il personale educativo e quello ausiliario che va a danneggiare la qualità del servizio".

Sia da parte dell’azienda che delle organizzazione sindacali è stata espressa la massima disponibilità a trovare delle soluzioni pienamente condivise, al fine di continuare ad assicurare l’efficienza del servizio svolto. Al termine della riunione, le parti hanno quindi concordato di elaborare congiuntamente un documento, da portare all’attenzione dell’amministrazione comunale di Venezia, contenente delle proposte volte a superare le criticità riscontrate.

"A seguito di questa disponibilità - hanno sottolineato i sindacati - abbiamo valutato di sospendere, non revocare, lo stato di agitazione in modo da verificare la reale possibilità dell’intesa. Il tavolo di trattativa è stato fissato per il 12 ottobre ed all’incontro verrà invitato anche il Comune di Venezia. Come organizzazioni sindacali siamo convinti che sia nell’interesse dell’amministrazione e dei lavoratori trovare un’intesa ma se ciò non dovesse avvenire convocheremo l’assemblea dei lavoratori, subito dopo la data del 12, per decidere il percorso di sciopero".

Potrebbe interessarti: https://www.veneziatoday.it/cronaca/agitazione-dipendenti-ames-venezia.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/VeneziaToday

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento