Cronaca

Missione compiuta, la macchina galleggiante di Amoretti arriva alla Biennale di Venezia

L'ultima tappa è partita da Chioggia, sabato mattina l'autonauta ha raggiunto la sua meta. Ha circumnavigato l'Italia a bordo della sua Maserati trasformata in natante

Foto di Caterina Margherita

A portarlo a Venezia è stato il caso, un destino che per lui ha soffiato in poppa e in qualche modo gli ha permesso di vincere questa sfida folle. Marco Amoretti, 41 anni, è giunto in laguna a bordo della sua Maserati biturbo del 1980, pagata 500 euro e trasformata in barca e, per ora, non ha ancora indirizzato la prua verso altri lidi. Era partito dalla sua Liguria il 4 agosto 2015 con l'intento di circumnavigare l'Italia e concludere la sua missione proprio qui, alla Biennale dell’Arte. Una meta scelta non a caso, perché un'impresa del genere merita una vetrina fuori dall'ordinario come è l'esposizione internazionale.

"Il giro d'Italia in macchina lo fanno in tanti - si legge sulla pagina Facebook del progetto, Autonauti - ma chi ha mai utilizzato il mare come autostrada? L'Automare vuole essere un trait d'union tra due mondi contrapposti: la società degli uomini, caotica, costrittiva, da cui spesso si ha voglia di fuggire, e lo splendido, libero, anarchico mare. E in mare tutto è possibile, persino andare in macchina. Prendete una vecchia auto, colmatela di poliuretano espanso e partite verso la fantasia, l'avventura e la conoscenza".

Amoretti era a Chioggia venerdì, pronto per gli ultimi chilometri che lo separavano dall'obiettivo finale. La Maserati è stata rimessa in acqua in serata, all'alba la partenza. Ha dovuto chiedere una targa speciale - scrive Il Secolo XIX - e finalmente l’ha ottenuta: LV 58337. "Tutti mi hanno chiesto perché ho voluto fare questo raid - spiega lui, - se gettassimo in aria una manciata di sabbia e volessimo stabilire dove ricadrà ciascun granello, sarebbe un problema difficile e tuttavia, almeno in teoria, risolvibile. Ma se volessimo stabilire quale sarà il corso della vita per due bambini scelti a caso, non vi potremmo riuscire mai, perché le leggi e le regole della fisica non basterebbero più".

Domenica 21 maggio ancora una nuova apparizione in mattina: l'attenzione di turisti e cittadini è stata attirata dal fluttuante procedere dell'auto-imbarcazione, che navigava sulle acque del canale della Giudecca, forse un "giro" per festeggiare la città che ha consacrato la riuscita del suo obiettivo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Missione compiuta, la macchina galleggiante di Amoretti arriva alla Biennale di Venezia

VeneziaToday è in caricamento