menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche coworking e spazio bimbi nei nuovi locali del "Lab Altobello"

Si punta alle coppie con figli, anche molto piccoli, permettendo di armonizzare i tempi dedicati a famiglia e lavoro, creando anche una rete tra professionisti

Mestre si propone come laboratorio urbano di imprenditorialità culturale e creativa: negli spazi dati in concessione gratuita dal Comune di Venezia alle cooperative Sumo e Formaset in via Altobello, “Lab Altobello” allarga ora la sua offerta e, oltre alle attività e ai laboratori rivolti ai bambini e alle loro famiglie che si svolgono in ludoteca nel pomeriggio, lancia i servizi di coworking, coworking con spazio baby e spazio cuccioli. Questo per permettere alle coppie con figli, anche molto piccoli, di armonizzare i tempi dedicati a famiglia e lavoro, garantendo un servizio di accudimento di alta qualità, ma anche per creare una rete tra professionisti che condividono lo stesso spazio lavorativo, nella consapevolezza che in un clima felice e costruttivo le persone rendono meglio.

Il progetto – che in tutta Italia è stato sperimentato finora solo a Milano e Roma - è stato presentato giovedì mattina con una conferenza stampa tenutasi proprio negli spazi del Lab, a cui sono intervenuti rappresentanti di Sumo, Foramset e, in rappresentanza della Direzione Politiche educative e della famiglia del Comune di Venezia, la responsabile del Servizio di Progettazione educativa, Annalisa Vecchiato.

“Questo luogo – ha commentato Vecchiato – sta diventando un punto di riferimento davvero importante per la città. Mi sembra doveroso ricordare che il bando comunale che ha portato all'assegnazione degli spazi è nato alla conclusione di un'attività proposta dalle Politiche educative, ossia la Consulta delle bambine e dei bambini, istituita nel 2011. I piccoli, eletti nelle scuole del territorio che hanno partecipato all'iniziativa, hanno lavorato su un progetto incentrato sulla valorizzazione del 'bene comune'. E da questa esperienza di cittadinanza attiva si è arrivati ipotizzare la creazione di un luogo per i bambini, chiamato 'spazio smile', che qui è stato alla fine realizzato”.

L'idea imprenditoriale innovativa presentata da Sumo e Formaset sta nel co-uso flessibile e creativo degli spazi: infatti, al di là della ludoteca, Lab Altobello punta sui liberi professionisti del territorio, indipendenti fra loro ma pronti a mettere in comune risorse, competenze e conoscenze, offrendo costi contenuti di affitto (200euro il coworking, 500 il coworking con spazio baby, 270 euro lo spazio baby), ma anche consulenze specifiche, sia sull'attività d'impresa, che sulla genitorialità, convenzioni per l'uso dello spazio nei giorni di chiusura e altri servizi che risponderanno alle esigenze stesse del gruppo di coworkers. Inoltre, Assist Onlus offrirà un premio di 2000euro per l'insediamento nel coworking di un'impresa in fase di avvio, che offra servizi per la conciliazione famiglia-lavoro o nel settore del ri-uso.

L'obiettivo più ampio di Lab Altobello è di creare un vero e proprio modello di sostenibilità lavorativa replicabile anche altrove. Per il momento la raccolta formale delle manifestazioni d'interesse dev'essere presentata entro venerdì 14 novembre: format da compilare e info su www.labaltobello.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento