Cronaca

Andrea Terribile è morto annegato: previsioni confermate dall'autopsia

L'avvocato 44enne era stato trovato senza vita nelle acque di fronte a Sant'Elena. Tornava alla sua casa di vacanza al Lido. Sul suo corpo non sarebbero stati riscontrati segni di violenza

C'erano pochi dubbi sulle cause della morte di Andrea Terribile, l'avvocato 44enne nato a Dolo trovato morto nella acque a pochi metri dalla riva di Sant'Elena. Già il rapporto del medico del Suem intervenuto per constatare il decesso aveva indicato come molto probabile un annegamento. L'autopsia, effettuata nel giorno di Ferragosto dal medico legale Antonello Cirnelli, ha fugato ogni dubbio: Andrea Terribile, residente da anni a Padova e con studio in piazzetta Sartori, ha perso la vita annegato.

Un tassello importante per le indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Venezia, volte a ricostruire le ultime ore della vittima. Sul suo corpo, in ogni caso, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza: per spiegare come mai il 44enne sia finito in acqua, quindi, rimangono aperte le piste del malore e della caduta accidentale. La mancanza di testimoni tra le 21 e le 22 del 14 agosto, però, rende difficile il lavoro degli inquirenti.


Al momento quindi non ci sarebbero elementi che possano indicare una "spinta" da parte di qualche malintenzionato o che l'avvocato sia stato trattenuto sott'acqua con la forza. Le informazioni in mano agli inquirenti a questo punto saranno messe in fila dai militari dell'Arma e il pubblico ministero Fabrizio Celenza per poi decidere le mosse successive.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Terribile è morto annegato: previsioni confermate dall'autopsia

VeneziaToday è in caricamento