menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cadavere spunta dalle acque del Naviglio, è l'infermiera di Dolo scomparsa da martedì

La segnalazione nella tarda mattinata di sabato in via Trieste. Sul posto sono in corso gli accertamenti dei carabinieri. C'è l'ipotesi che possa trattarsi dell'infermiera scomparsa

Fin dall'inizio l'ipotesi ritenuta più probabile era che si trattasse dell'infermiera di cui non si avevano più notizie da martedì scorso, poi è arrivato il riconoscimento da parte dei famigliari e ogni dubbio è stato fugato. E' stata ritrovata priva di vita Antonella Canaia, la donna di 58 anni residente a Dolo che si era allontanata dalla sua abitazione senza lasciare tracce. Non aveva portato con sé né cellulare, né portafoglio, elemento che aveva subito messo in allarme i carabinieri della tenenza locale, i quali hanno materialmente raccolto la denuncia di scomparsa. Le ricerche sono continuate nei giorni successivi, senza esito.

Salma a disposizione dei famigliari per le esequie

La chiusura tragica della vicenda nella tarda mattinata di sabato, quando è stato segnalato emergere dalle acque del Naviglio del Brenta il corpo di una donna privo di indumenti. Il ritrovamento in via Trieste, a non più di qualche centinaio di metri dall'abitazione dove la vittima risiedeva. Sul corpo nessun segno che potrebbe ricondurre a una morte violenta della 58enne: non ci sarebbero dubbi sul fatto che la donna si sia tolta la vita, nonostante l'inusuale elemento della mancanza di vestiti, con ogni probabilità lasciati sull'argine. Il pubblico ministero nel pomeriggio di sabato ha già disposto la restituzione della salma ai famigliari per le esequie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento