menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il medico legale Cirnelli è curatore della mostra "Real bodies" a Jesolo

L'evento culturale internazionale, che conterrà oltre 350 fra organi e corpi umani plastinati, aprirà i battenti al pubblico il 26 dicembre

Un'autopsia descrittiva “in diretta” del dinamico “Discobolo” e della leggiadra “Ballerina”, due fra i più spettacolari corpi interi polimerizzati esposti nella sezione dedicata agli sport. E' stato il modo migliore con cui il medico legale, dottor Antonello Cirnelli, poteva annunciare da Jesolo il suo prestigioso incarico di curatore per i contenuti scientifici della mostra “Real Bodies”.

L'EVENTO. Il faraonico evento culturale che conterrà oltre 350 fra organi e corpi umani plastinati, il cui sito ufficiale si avvia a superare i 500mila accessi internet, si arricchisce ufficialmente di questa preziosa collaborazione, alla vigilia della sua presentazione in anteprima nazionale a Jesolo, il 18 dicembre, per aprire poi i battenti al pubblico il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano.

CIRNELLI E CECCHI PAONE. “Il grande entusiasmo degli organizzatori e la professionalità dello staff della mostra - ha confidato il dottor Cirnelli - mi ha convinto a partecipare al progetto”. Il noto professionista in campo medico legale, consulente per le autopsie della Procura veneziana, affiancherà quindi il testimonial, giornalista scientifico, autore e divulgatore mediatico, Alessandro Cecchi Paone, ad incrementare ulteriormente la competenza del team di professionisti che collabora all'attesissima mostra internazionale arrivata dagli Stati Uniti e dedicata alla scoperta del corpo umano che ha ormai preso forma nella sede espositiva di via Aquileia 123.

DETTAGLI. “Ogni corpo ed organo visibile alla mostra Real Bodies è stato meticolosamente scuoiato fino a realizzare una vera e propria opera d'arte medico legale - ha spiegato il dottor Cirnelli nell'autopsia in diretta dei corpi polimerizzati - ogni pezzo esposto ha richiesto mesi di lavorazione ed un'enorme conoscenza dei dettagli anatomici. Sia il discobolo che la ballerina impressioneranno il pubblico di appassionati ma anche gli esperti del corpo umano, per la cura dei dettagli, la perfetta polimerizzazione dei muscoli e dei tendini più sottili conservati nella loro posizione anatomica di sforzo, conferendo un risultato visivo, di enorme potenza nel primo e di sgravio della forza di gravità e leggerezza nella seconda”.

UNA MOSTRA "ISTRUTTIVA". “Questa mostra dedicata alla conoscenza del corpo umano - ha infine aggiunto Cirnelli - è adatta ad ogni tipo di pubblico e darà a tutti un grande insegnamento che va oltre l'importante aspetto istruttivo scientifico. Attraverso il sacrificio di chi ha donato alla scienza il proprio corpo dopo la morte, ci insegna infatti quanto è importante la qualità della vita che stiamo vivendo. Ci insegna che il corpo va rispettato essendo una meravigliosa macchina perfetta che viene valorizzata e tenuta in salute anche con lo sport e non merita di essere danneggiata da abitudini insensate e non salutari”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento