menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scivola nel Piave andando a funghi, quando la salvano era cianotica

Un'anziana di Musile è caduta mentre camminava lungo l'argine del fiume venerdì mattina verso le 7. E' rimasta in acqua un paio d'ore

Era ormai cianotica e le forze la stavano piano piano abbandonando. Disavventura per una 78enne venerdì mattina mentre stava andando a funghi lungo l'argine del Piave, a poche centinaia di metri dal ponte di San Donà. A un certo punto mentre camminava è scivolata in una scarpata alta circa tre metri, finendo dritta nel fiume.

L'incidente sul versante di Musile, in direzione di Eraclea. La sventurata, secondo quanto raccontato ai soccorritori, avrebbe perso l'equilibrio poco dopo le 7, venendo poi salvata solo un quarto d'ora dopo le 9. Le sue condizioni mano a mano stavano peggiorando sempre più, ma a causa della vegetazione e della ripidità della schermata purtroppo l'anziana non era visibile dalla strada. Il primo ad accorgersi di quella persona attaccata disperatamente a qualche ramo della riva è stato un pescatore che si trovava sull'altro lato del fiume. Su un pontile in legno dove spesso gli appassionati si mettono all'opera con la propria canna da pesca.

Con le ultime forze rimaste la signora è quindi riuscita ad attirare l'attenzione dell'uomo, che si è quindi messo al volante della propria auto attraversando il ponte e raggiungendo il punto della scivolata. Nel mentre ha lanciato l'allarme ai vigili del fuoco, intervenuti sul posto con una squadra. Prima dell'arrivo del 115, quindi, il pescatore ha lanciato una corda alla donna, in modo da assicurarsi che la situazione non potesse precipitare. I pompieri, poi, attraverso anche loro delle corde (impossibile raggiungere il fiume altrimenti su quel versante) si sono calati fino ad arrivare al Piave. L'anziana è stata quindi raggiunta indossando dei costumi termici e riportata a riva. Era oramai cianotica, essendo rimasta per circa un paio d'ore con gambe, bacino e addome costantemente nel fiume. Subito la sventurata è stata quindi riscaldata con delle coperte, prima di essere affidata ai sanitari del 118 che l'hanno trasportata in ambulanza al pronto soccorso locale. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento