menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incubo per un anziano a Mirano Aggredito e poi derubato in casa

Un uomo di 79 anni vive in una zona di aperta campagna: i ladri hanno staccato la corrente e poi gli sono saltati addosso sulla porta di casa

Aggredito, malmenato e derubato. E’ questo l’incubo in cui è piombato lunedì sera un anziano di Mirano dopo esser caduto nella trappola studiata a tavolino dai malviventi. Il 79enne, come riporta Il Gazzettino, si è trovato all’improvviso senza luce all’interno della sua casa e al momento di uscire per controllare il contatore è stato assalito da due malviventi. Visibilmente sotto choc, è riuscito a chiamare aiuto con grande fatica solo quando ormai i ladri erano fuggiti dileguandosi per i campi.

L’episodio è capitato all’ora di cena in via Desman, una lunga strada di campagna che dalla frazione di Zianigo porta verso Veternigo. L’anziano vive da solo, con il figlio a poche decine di metri di distanza. Era in casa come ogni sera quando improvvisamente è saltata la corrente. Immediata la telefonata al figlio, con il cellulare, per capire se si trattava di un problema di tutto il quartiere. Quando ha capito che la luce mancava solo a casa sua, ha deciso di uscire in cortile per mettere mano al contatore. Una cosa che aveva già fatto più volte in passato. Ma questa volta fuori da quella porta c’erano due ladri ad attenderlo.

L’anziano ha fatto un passo, poi i due gli sono saltati addosso con un bastone in legno, pare un grosso ramo. L’hanno scaraventato a terra e poi si sono divisi i compiti: uno ha tenuto bloccato l’anziano al suolo, il complice intanto ha messo a soqquadro ogni stanza della sua casa. Alla fine ha trovato ben poco: solamente una cassetta di attrezzi da lavoro e qualche spicciolo.

I ladri avevano già fatto visita  alla sua abitazione la scorsa estate, in quel caso lui era uscito per qualche minuto e al ritorno era sparita la pensione che aveva da poco ritirato. Evidentemente monitoravano i suoi movimenti. Ma questa volta ha passato attimi di puro terrore. Ha visto i ladri fuggire a piedi per il campo dietro la casa, si ricorda solo il loro accento straniero. Si è rialzato a fatica per telefonare al figlio, corso subito da lui per tranquillizzarlo. Continuare a vivere da solo, in quella casa, non sarà facile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento