IPhone a prezzi stracciati, in centinaia in coda di prima mattina

Sabato una nota catena inaugurava un punto vendita a Santa Maria di Sala. Offerte fino al 16 settembre. Smartphone esauriti in 10 minuti

Erano già in centinaia mezz'ora prima che il nuovo punto vendita di una nota commerciale aprisse. Accalcati per ottenere un iPhone a prezzo scontatissimo, ma anche televisioni ultratecnologiche ed elettrodomestici per la casa. Tutto "sottocosto". Come recita il famoso claim. La coda si è registrata a Caselle di Santa Maria di Sala, davanti al centro commerciale Prisma di via Grandi.

Dieci giorni di offerte da capogiro per festeggiare l'inaugurazione del nuovo punto vendita, ma destinate a concludersi molto prima. Visto che le scorte sono a esaurimento. Le porte del punto vendita si sarebbero dovute aprire alle 9, ma vista la calca l'ingresso è stato anticipato. Risultato: tempo dieci minuti e un dipendente della catena è uscito urlando: "Gli iPhone sono esauriti".

Da volantino pubblicitario ce n'erano 150 in offerta, una media di uno smartphone Apple venduto ogni quattro secondi. Del resto il prezzo era di 199 euro, per i patiti della tecnologia una occasione da non farsi scappare. Dopo l'annuncio che in molti in fila speravano di non sentire, la calca si è quasi dimezzata. Lasciando spazio ai cacciatori di offerte interessati agli altri reparti. La caccia all'iPhone per centinaia era già finita prima ancora di cominciare.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento