menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una città di cantieri galleggianti, Rialto e Scalzi: rivoluzione pontili

A breve il via agli interventi di Pmv di rinnovo degli imbarcaderi. Investimenti milionari. Tornelli: si punta sulla tipologia di piazzale Roma

Ci transitano ogni giorno decine di migliaia di persone. Inevitabile quindi che tutto ciò che riguarda pontili e imbarcaderi Actv sia destinato a passare di bocca in bocca, animando il dibattito. Due questioni su tutte si stagliano all'orizzonte: l'effettiva entrata in funzione di tutti i tornelli e la sistemazione dei vari imbarcaderi in città. Alcuni interventi, come tutti sanno, sono già stati portati a termine, tra piazzale Roma, San Zaccaria, Vallaresso e altri pontili. Ora tocca ad altre strutture, il cui rinnovamento è già stato appaltato. "Ma per il futuro servirà aprire un capitolo importante - dichiarano i vertici dell'azienda - ci sono molti investimenti in corso, ma con la futura conclusione del risanamento serve un piano in grado di sviluppare il nostro servizio in ottica metropolitana in modo che sia all'altezza delle aspettative".

NUOVI ORARI INVERNALI DAL 3 NOVEMBRE: TUTTI I DETTAGLI

A dicembre dovrebbero quindi iniziare i lavori a Rialto, dopo la realizzazione dell'approdo provvisorio di riva del Carbon: "I cantieri in città dovrebbero concludersi ad aprile del prossimo anno - dichiara il presidente di Pmv, Antonio Stifanelli - Tutte le gare sono state assegnate e gran parte dei contratti sottoscritti". Ma a Rialto gli approdi provvisori dove saranno? "Uno di fronte a palazzo Cavalli - sottolina il presidente - mentre un altro sarà a fianco del pontile della linea 1. Naturalmente l'approdo di San Silvestro sarà sospeso per non togliere spazio di manovra ai piloti Actv". Piccola rivoluzione, dunque. Come interventi pesanti (a Rialto investimento da 514mila euro) ci saranno anche davanti alla stazione ferroviaria, dove sono previste spese per 464mila euro: "All'esame la possibilità di posizionare un approdo all'altezza di metà piazzale della stazione ferroviaria", afferma Stifanelli. Cantiere aperto a gennaio, dopo la predisposizione dei due pontili provvisori. Le partire di San Stae e di Rialto Mercato, invece, si giocheranno più avanti. A marzo 2015, invece, dovrebbe partire il rinnovamento dell'imbarcadero del Tronchetto, con investimento da 120mila euro. E' invece prevista una spesa di 641mila euro per la costruzione di nuovi approdi in zona Faro Rocchetta, Guglie, San Marcuola e Santa Maria del Mare.

"CLIC&BIP", L'ABBONAMENTO ORA LO SI RINNOVA IN MODO SMART

Ma su restauri e interventi di sistemazione incombe anche il capitolo tornelli, in questo momento spesso e sovente aperti (dove installati) all'uscita. Residenti e turisti spesso quindi entrano dove sarebbe vietato. "Il sistema entrerà in funzione a breve - spiegano dall'azienda - perché vogliamo che l'intera rete sia a regime e perché servono biglietterie automatiche. Uno non può rimanere senza biglietto e non avere possibilità di comprarlo sul posto". Il modello sarà quello di Santa Chiara: barriere che permetteranno al personale di entrare dall'uscita con un badge particolare. In quel caso le barriere si apriranno al contrario. Ma servono strutture che possano resistere ai comportamenti e alle abitudini scorrette dei cittadini: "Siamo oggetto spesso di atti vandalici, come al Lido - spiega Actv - ciò denota una certa ritrosia di stare alle regole. Non c'è dubbio che tutto ciò che sembrerebbe essere messo in funzione per rendere la vita difficile a chi è onesto, in realtà serve a  mettere i bastoni tra le ruote a chi tenta di bypassare il sistema".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento