menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio unanime, mozione per annullare le sanzioni. "Paghiamo colpe di altri"

Nella seduta di lunedì è stata presentata ed approvata all'unanimità la proposta. Ora il primo cittadino e la giunta comunale dovranno attivarsi direttamente col Governo

 Il Consiglio comunale di ha approvato all'unanimità, nella seduta di lunedì, una mozione con la quale dà mandato a sindaco e giunta di attivarsi nella sede di Governo affinché vengano annullate le sanzioni conseguenti lo sforamento del Patto di stabilità: una prevedeva la riduzione del fondo di solidarietà comunale in misura pari alla differenza tra il risultato registrato e l'obiettivo programmatico predeterminato per il rispetto del Patto di stabilità dell’anno 2015, l'altra il divieto di assunzione del personale a qualsiasi titolo e il conseguente divieto di destinare risorse alla contrattazione integrativa.

"Il Comune di Venezia - si sottolinea nel provvedimento - è stato infatti fortemente penalizzato nel rispetto delle regole del Patto di stabilità interno, sia perché i proventi del Casinò di Venezia, pur essendo considerate di natura straordinaria a favore di una città che ha una specificità unica rispetto agli altri comuni italiani, sono comunque conteggiate ai fini del rispetto del Patto, sia perché la Città di Venezia, come ampiamente dimostrato, sostiene, in ragione delle particolarità del suo territorio, degli extra-costi, soprattutto di manutenzione, nettamente superiori a quelli degli altri Comuni italiani". Nella mozione si evidenzia inoltre il fatto che il Comune di Venezia avrebbe potuto raggiungere l'obbiettivo fissato per il rispetto del Patto di stabilità interno se avesse incassato i crediti dovuti da altri enti pubblici, in particolare Stato e Regione, che gli enti stessi non hanno potuto versare per rispettare a loro volta i propri vincoli di Patto.

"La giunta Brugnaro - ha dichiarato l’assessore al bilancio Michele Zuin - ha attivato un importante risanamento dei conti del Comune di Venezia, confermato dal fatto che è stato approvato il bilancio di previsione per il triennio 2016-2018 entro i termini previsti dalla legge e che inoltre realisticamente chiuderà in pareggio il bilancio 2015. Il consiglio - ha continuato - ha dato al sindaco un importante mandato unanime per confrontarsi con il Governo per l’annullamento delle sanzioni di un Patto di stabilità con vincoli irragionevoli per i comuni come ha recentemente dichiarato anche il presidente del Consiglio dei Ministri e altrettanto irragionevole sarebbe ricevere una sanzione per colpe non nostre".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento