Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca Castello

Chiesta l'archiviazione dell'indagine sulla nave che sbandò davanti a Riva Sette Martiri

L'evento meteo non era prevedibile e il comandante avrebbe fatto tutto il possibile

La procura ha chiesto l'archiviazione del fascicolo d'indagine relativo allo sbandamento della Costa Deliziosa, la grande nave che il 7 luglio 2019, nel corso di un'improvvisa burrasca, aveva "scarrocciato" davanti a riva Sette Martiri, mentre stava uscendo dal Bacino di san Marco. Il comandante della nave - come riportato oggi dai quotidiani locali - era stato indagato per rischio di naufragio, ma dalle consulenze della procura sarebbe emerso che avrebbe fatto tutto il possibile per evitare conseguenze disastrose, per l'imbarcazione e per la riva. Le condizioni meteo erano state valutate ma non era prevista una tempesta di quella portata.

Nella relazione gli esperti sottolineano in particolare che la sicurezza della navigazione in spazi ristretti come quelli del centro storico lagunare è tema di scelte politiche. Non per niente, una soluzione alternativa al passaggio delle navi da crociera nel canale della Giudecca è attesa da anni.

Nel frattempo prosegue l’inchiesta sull'altro clamoroso episodio avvenuto lo scorso anno, quello della Msc Opera che il 2 giugno andò a scontrarsi contro la banchina e un battello turistico all'altezza di fondamenta delle Zattere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesta l'archiviazione dell'indagine sulla nave che sbandò davanti a Riva Sette Martiri

VeneziaToday è in caricamento