Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Peggiora la qualità dell'aria a Venezia, scatta il livello di allerta arancio

Divieto di circolazione dalle 8.30 alle 18.30, di ciclomotori e motocicli Euro 0 a due tempi, di auto a benzina Euro 0 e 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4 e veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a diesel Euro 1, 2 e 3

Smog, Pm10. Foto archivio

Scatta da oggi, lunedì 22 febbraio, il livello di allerta 1 “arancio” per Venezia come in altre parti della regione: lo riporta Arpav (Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto), che ha emesso un comunicato nel quale segnala il raggiungimento del livello 1, dopo 4 giorni consecutivi di superamento del valore limite consentito per il PM10 di 50 µg/m3.

Divieto pertanto di circolazione per tutti i giorni della settimana, compresi quindi anche sabato e domenica, dalle 8.30 alle 18.30, di ciclomotori e motocicli Euro 0 a due tempi, di autovetture ad uso proprio alimentate a benzina Euro 0 e 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4 e dei veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a diesel Euro 1, 2 e 3. Per quanto riguarda l’utilizzo degli impianti termici e delle combustioni, in questi giorni sarà vietato utilizzare impianti termici a biomassa di classe inferiore alle 3 stelle e sarà vietato effettuare combustioni all’aperto. Si ricorda inoltre che non è possibile, in livello arancione, effettuare lo spandimento di liquami zootecnici, in quanto rilasciano composti azotati precursori della formazione di polveri sottili in atmosfera. Rimane invece in allerta 0 per il particolato PM10 (colore verde) Chioggia.

I divieti saranno validi da domani martedì 23 febbraio e fino a nuova comunicazione, quando il nuovo bollettino Arpav comunicherà se passare al livello di allerta 2 Rosso o se retrocedere a livello Verde, qualora le concentrazioni di PM10 presenti in atmosfera rientrassero al di sotto della soglia dei 50 microgrammi/m3. Per ulteriori informazioni: https://www.comune.venezia.it/it/content/misure-contenimento-dei-livelli-concentrazione-pm10.

Nei prossimi giorni sono previste temperature più miti, che potrebbero significare anche presenza di nebbie ed inquinanti: un anticiclone che, secondo 3B Meteo, «non vorrà dire solo sole, ma anche la possibilità di nebbie o nubi basse durante le ore più fredde del giorno, quindi nottetempo e al mattino. Banchi di nebbia talora fitti potranno interessare la Valpadana, specie centro-orientale: nel comtempo peggiorerà in modo netto la qualità dell'aria soprattutto in pianura padana e nei grandi centri urbani. Il rialzo delle temperature potrà altresì favorire le allergie per aumento di concentrazione dei pollini».

Schermata 2021-02-22 alle 11.49.40-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peggiora la qualità dell'aria a Venezia, scatta il livello di allerta arancio

VeneziaToday è in caricamento