menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentano di taccheggiare i vestiti da Oviesse, arrestate le "rapinatrici degli anziani"

Un trio di nomadi domiciliate a Ceggia è finito in manette sabato al Centro Piave di San Donà. Le 3 sono sospettate di alcuni colpi con la tecnica dell'abbraccio nel territorio circostante

Tentano di scappare dall'addetto alla sicurezza e non esitano ad alzare le mani nei suoi confronti. Tre giovani nomadi di origini romene, domiciliate in via Gaianiga a Ceggia, nella serata di sabato sono state arrestate dai carabinieri dopo che hanno cercato di rubare dei capi d'abbigliamento all'interno del punto vendita Oviesse del centro commerciale Piave. In manette sono finite un 20enne, un 23enne e un 26enne. 

Il loro piano è saltato nel momento in cui la security le ha bloccate con la merce nelle borse. L'addetto ha riportato traumi guaribili in 2 giorni, mentre la refurtiva, del valore di 210 euro, è stata restituita al negozio. Durante il parapiglia una pattuglia del nucleo operativo dei carabinieri, che nel frattempo era giunta sul posto dopo l'allarme, è riuscita a bloccare le 3 e a portarle in caserma per ulteriori accertamenti. Alla fine è scattato l'arresto e il trasferimento al carcere femminile della Giudecca.

AVREBBERO RAPINATO DEGLI ANZIANI - Le giovani non sarebbero nuove a questi reati. Alcune delle coinvolte la mattina stessa erano state denunciate per furto con strappo dopo aver avvicinato un anziano sandonatese e avergli rubato la collana d'oro che aveva al collo con la classica tecnica dell'abbraccio. In passato vittima di una rapina simile era stato un anziano di Ceggia che però, per paura di ritorsioni, aveva preferito non denunciare il fatto. Nell’occasione i militari avevano denunciato per oltraggio e resistenza il compagno di una delle arrestate che si era preso gioco degli uomini in divisa. Secondo i militari le giovani potrebbero aver perpetrato diversi reati dello stesso tipo nel Basso Piave. Per questo motivo si stanno riesaminando le denunce del recente passato. A tutte e 3 è stato comminato il divieto di dimora in Veneto in attesa dell'inizio del processo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento