Cronaca Via Antonio Gramsci

Gli ruba il cellulare e chiede soldi per riconsegnarlo: ladro finisce in manette

Il furto venerdì vicino a un kebabaro di via Gramsci a Mirano. Un 39enne tunisino, già protagonista di una resistenza a pubblico ufficiale a Vetrego di Mirano, è stato arrestato

Gli ruba il cellulare e per riconsegnarglielo chiede 20 euro di "riscatto". Peccato che poi torni a bere dentro al kebabaro ed è lì che i carabinieri l'hanno arrestato. Un tunisino di 39 anni, già finito nei guai nelle settimane scorse dopo aver dato una testata a un carabiniere durante un controllo all'esterno di un bar di Vetrego di Mirano, è stato bloccato dai militari della stazione di Spinea venerdì in via Gramsci a Mirano.

Deve rispondere di estorsione dopo essersi impossessato di un cellulare di un cittadino di nazionalità pachistana. Raggiunto subito dopo dalla vittima, quest'ultima si è sentita chiedere 20 euro per la riconsegna. E' iniziata la contrattazione: "Te ne posso dare 10 se vuoi", ha affermato il pachistano. "Assolutamente no", ha risposto il suo interlocutore. La parte lesa era talmente convinta di riuscire a trattare da entrare nel kebabaro e chiedere di cambiare una banconota da 20 con due da 10. Inutile.

Una volta riottenuto il maltolto sono stati chiamati i carabinieri (non è chiaro chi abbia lanciato l'allerta). Una volta arrestato il 39enne sabato mattina è finito davanti al giudice per la direttissima, al termine della quale il giudice ha disposto oltre all'obbligo di firma già in vigore per la resistenza di poco tempo fa, anche l'obbligo di dimora. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ruba il cellulare e chiede soldi per riconsegnarlo: ladro finisce in manette

VeneziaToday è in caricamento