menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dolo, arrestato ladro di biciclette seriale. Da un anno agiva in città

I carabinieri si sono avvalsi dei sistemi di video-sorveglianza comunale e dei vari privati, attraverso i quali si è riscontrato che il responsabile dei furti si identificava in un unico e solitario malfattore

 

Arrestato dai carabinieri un ladro seriale di biciclette. I militari della tenenza di Dolo hanno individuato e deferito in stato di libertà, alla competente autorità giudiziaria, il cittadino marocchino R.C., disoccupato, 35enne, residente a Campolongo Maggiore, in relazione alla commissione di svariati furti aggravati di biciclette, commessi nell’ambito del centro dolese. Le indagini hanno avuto inizio a seguito della recrudescenza dei furti di bici registrata nel periodo estivo, con particolare riguardo nelle aree di maggiore affluenza di persone, come la piscina comunale di Dolo, l’ospedale, le fermate dell’autobus e il mercato settimanale.
 
I carabinieri si sono avvalsi dei sistemi di video-sorveglianza comunale e dei vari privati, attraverso i quali si è riscontrato che il responsabile dei furti si identificava in un unico e solitario malfattore, che agiva utilizzando una tronchesina per tagliare le catene poste a protezione delle biciclette. La sensazione che ne derivava era quella di trovarsi di fronte ad un soggetto esperto conoscitore delle varie marche di bici e del loro valore sul mercato, nonchè abile e veloce scassinatore di lucchetti e meccanismi di chiusura.
 
Esaminati i furti commessi nell’ambito del comune di Dolo, veniva accertato che il marocchino aveva posto in essere una ventina di reati a partire dal mese di giugno 2011, proseguendo ininterrottamente fino all'arresto. E' stato denunciato di furto aggravato. Le bici le rivendeva con un prezzo medio di 25/30 euro cadauna. Chi ha subito un furto di bici può telefonare ai carabinieri di Dolo (tel. 041/410035).
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento