menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furgone con 300 kg di rame rubato, arresto dopo il furto in ditta

Un 36enne moldavo è stato pizzicato a Zero Branco in piena notte dopo il colpo nel deposito di un'azienda, con lui tre complici connazionali

Ancora un furto di rame, l’ennesimo degli ultimi giorni. Nella notte tra mercoledì e giovedì i carabinieri della compagnia di Treviso hanno arrestato un 37enne moldavo, disoccupato e domiciliato a Mestre, per il reato di furto aggravato. I militari dell’arma l’hanno pizzicato a Zero Branco, in via Meucci, attorno alle tre: il malvivente viaggiava a fari spenti su un furgone Mercedes “Vito”: dentro nascondeva ben 14 sacchi di juta contenenti filamenti di rame per circa 300 chili, oltre a 12 radiatori in ottone.

E’ bastato poco per far capire ai carabinieri che il metallo era stato appena rubato dal deposito della ditta “Casagrande srl”, collocata in via del Lavoro sempre a Zero Branco. Assieme a lui c’erano altre tre moldavi (due di 43 anni e uno di 36 anni), pregiudicati e residenti tra le province di Padova e Venezia. I tre sono stati fermati pochi minuti dopo, a bordo di una Renault Clio dentro la quale tenevano vari arnesi da scasso.

Il 37enne è stato portato agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato dal Tribunale di Treviso, gli altri tre sono stati deferiti in stato di libertà per il concorso dello stesso reato. Il rame è stato restituito ai titolari della ditta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento