menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preso il presunto responsabile degli stupri lungo il Brenta

Ha 38 anni ed è straniero, avrebbe approfittato dei momenti in cui c'erano poche persone lungo il fiume per aggredire donne sole

Un romeno di 38 anni è stato posto in stato di fermo dai carabinieri di Chioggia con l'accusa di essere l'autore di una serie di aggressioni, anche a sfondo sessuale, compiute negli ultimi mesi ai danni di donne che da sole correvano o camminavano lungo l'argine del fiume Brenta, a cavallo tra le province di Venezia e Padova.

TUTTI I DETTAGLI SULLE INDAGINI

VIOLENTATA MENTRE CORREVA LUNGO L'ARGINE

L'uomo è stato bloccato al termine di una serie di indagini che hanno permesso di attribuire tutte le aggressioni, avvenute lungo la passeggiata di 15 chilometri sull'argine del Brenta, ad un'unica persona. L'aggressore, specie il fine settimana, approfittava dei momenti di scarsa frequentazione per compiere le sue aggressioni ai danni di donne sole.

IL PRIMO CASO: A MARZO UNA VICENDA SIMILE

L'ultimo caso era avvenuto a fine maggio, quando l'uomo, spuntando da una stradina laterale, avrebbe assalito una donna di mezza età che faceva jogging nel parco Sarmazza. L'aggressore l'ha assalita afferrandola per i capelli e l'ha costretta con la forza, nonostante le urla della malcapitata, a raggiungere le rive dell'invaso dell'idrovia Padova-Venezia. Minacciandola di morte se avesse tentato di scappare. Nessuno è accorso, nessuno ha sentito le richieste d'aiuto. L'uomo quindi ha avuto tutto il tempo di abusare della donna, rimasta senza più fiato in gola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento