Cronaca

Accusato di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione: l'arresto scatta a San Donà

A mettere le manette ai polsi di un 33enne romeno mercoledì è stata la squadra mobile di Venezia. I reati contestati sarebbero stati commessi nel 2010 in provincia di Pavia

Si trovava a San Donà e per questo motivo su di lui sono piombati gli agenti della squadra mobile della questura di Venezia, che ha dato esecuzione a un ordine di carcerazione nei confronti di un 33enne romeno accusato di reati molto gravi: a chiederne l'arresto era stata la Procura generale presso la Corte d'Appello di Milano, poiché il romeno,  in provincia di Pavia, nel corso del 2010 si sarebbe reso responsabile di violenza sessuale continuata e sfruttamento della prostituzione. Fatti commessi in concorso con altri compari con l'aggravante della violenza e della minaccia. Viene descritto come "stabile" nel territorio sandonatese, mentre lo stupro si sarebbe verificato a Pieve del Cairo, nel Pavese.

Cinque anni di reclusione

Per questo motivo dovrà scontare 5 anni di reclusione. Nel suo mirino era finita una connazionale. Il ricercato, dopo essere stato rintracciato dagli agenti in un'abitazione della città del Piave, è stato trasferito nel carcere di Santa Maria Maggiore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusato di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione: l'arresto scatta a San Donà

VeneziaToday è in caricamento