Spacciava tra Mestre e il Miranese Macellaio arrestato a Chirignago

Un 29enne albanese è stato fermato mentre lavorava al supmercato, i Carabinieri gli hanno sequestrato mille euro e 250 grammi di droga

Aveva messo su una fiorente attività di spaccio rivolta alle piazze di Mestre e Mirano, i Carabinieri l’hanno arrestato sequestrando 250 grammi di sostanze stupefacenti ed oltre mille euro provenienti proprio dal commercio di droghe. Un 29enne albanese è finito in manette nella sua residenza di Chirignago, dove orchestrava con cura tutti i movimenti della sua attività.

I militari della stazione di Mirano l’hanno fermato mentre svolgeva il suo lavoro di macellaio in un supermercato di Mira, chiamandolo da parte con una scusa per poi iniziare subito ad interrogarlo suo sul “secondo lavoro”. Accompagnati nell’abitazione di Chirignago, i Carabinieri hanno trovato 250 grammi di droga tra Marijuana, Hashish e cocaina (custodite nel frigorifero), mentre in un’altra stanza era stata adibita a laboratorio con tutti gli strumenti del mestiere: bilancini, sminuzzatori e telefonini utilizzati per le contrattazioni.

I Carabinieri hanno poi trovato in un barattolo numerose banconote da 50 euro, per un totale di circa mille euro, ritenute proventi di attività di spaccio. Il giovane è stato arrestato, i militari sono convinti di aver stroncato un’importante rete di spaccio attiva nel Miranese e nell’hinterland mestrino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento