Cronaca

Schiavi nei campi, lavoro 12 ore al giorno sotto minaccia. Arrestata coppia di sfruttatori

L'operazione mercoledì. Dipendenti costretti a vivere in baracche senza acqua pagati 150 euro al mese. Marito e moglie bengalesi in manette, episodi di razzismo verso i connazionali

Una situazione di degrado assoluto: lavoratori schiavizzati nei campi e costretti a vivere in vecchie roulotte, baracche fatiscenti, con poco cibo e senza acqua corrente né riscaldamento. Dodici ore di lavoro al giorno, senza giornate di riposo, il tutto in nero per 150 euro al mese. Nel frattempo erano controllati, in alcuni casi picchiati. Le testimonianze dirette parlano anche di minacce tramite armi da fuoco e coltelli. È andata avanti così per almeno due anni, tra il 2014 e il 2016, tutto in un terreno preso in affitto tra Cavarzere e Chioggia, a sud di Ca' Pasqua.

Mercoledì mattina, al termine delle indagini, sono stati arrestati due cittadini bengalesi, marito e moglie di 49 e 47 anni, accusati del reato di riduzione in schiavitù ai danni di numerosi connazionali (uno dei primi casi in Veneto). I due risultano titolare di un'azienda agricola. Devono rispondere anche di favoreggiamento della permanenza sul territorio dello Stato di lavoratori clandestini e di minaccia aggravata. Erano una quindicina le persone impiegate nei campi, di età compresa tra i 25 e i 40 anni. Si occupavano principalmente di coltivazione di prodotti provenienti dal Bangladesh, come coriandolo e peperoni tipici. Soprattutto ortaggi. A loro spettava anche il compito di trasportare le verdure nei mercati dell'area.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si contano gli episodi di soprusi, anche a sfondo razzista: gli stessi sfruttatori bengalesi si rivolgevano ai connazionali con appellativi dispregiativi minacciandoli di rispedirli al Paese d'origine. Molti di loro erano stati ingannati con la falsa promessa di un impiego da 1.500 euro al mese e la prospettiva di una regolarizzazione della propria permanenza in Italia, vista la loro condizione di clandestini. La stessa motivazione che rendeva difficile denunciare gli schiavisti. I carabinieri, dopo avere individuato la baraccopoli, hanno agito in borghese. Si sono avvicinati a piedi fingendosi braccianti agricoli per riuscire a parlare con i lavoratori senza insospettirli.

L'indagine è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia ed è stata condotta dai carabinieri del Nucleo ispettorato lavoro di Venezia, dai militari del comando provinciale e quelli della compagnia di Chioggia. Determinante per le operazioni il fatto che alcuni dei lavoratori hanno trovato il coraggio di denunciare la situazione. Si sono rivolti all’ispettorato territoriale di Venezia, che ha fatto partire l'attività d'indagine. Utilizzati anche gli elicotteri per le ricognizioni dall'alto, altrimenti sarebbe stato impossibile individuare le baracche. Gli accertamenti continuano per verificare se si tratti di un caso isolato o se dietro questo episodio si nasconda una organizzazione. Determinante per l'inchiesta la presenza del nuovo Gruppo dei carabinieri di tutela del lavoro, con comandante il maggiore Gianfranco Albanese, che ha sede a San Polo e ha competenza interregionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiavi nei campi, lavoro 12 ore al giorno sotto minaccia. Arrestata coppia di sfruttatori

VeneziaToday è in caricamento