Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Ladri seriali di smartphone, tablet e droni da Mediaworld finiscono in carcere

Arrestata una coppia di ladri, tra cui un veneziano, che prendeva di mira i punti vendita della catena

Smartphone, tablet, ma anche droni. Il loro obiettivo erano prodotti hi tech, che nascondevano nei body indossati sotto gli abiti riuscendo ad eludere le apparecchiature antitaccheggio grazie ai dispositivi jammer. V.M., 21enne di Campolongo Maggiore e M.G.G., 40enne di Cervia (Ravenna), entrambi romeni, sono stati arrestati nelle scorse ore dai carabinieri al termine dell'indagine denominata "Mac 2021". Un'inchiesta su una serie di furti ai danni dei punti vendita Mediaworld cominciata lo scorso novembre con l'arresto di un complice, M.N., 20enne. 

I militari del Norm di Gradisca d’Isonzo, dopo un furto di cellulari ai danni del Mediaworld di Villesse nel quale era coinvolto M.M, non ritenendo che si trattasse di un episodio isolato e sospettando che il giovane non avesse agito da solo, hanno monitorato i suoi movimenti, anche dopo la sua scarcerazione, riuscendo così a individuare gli altri. Le indagini hanno documentato diverse trasferte del gruppetto, in particolare dei finiti in carcere nelle ultime ore, che, a bordo di auto, quasi sempre prese a noleggio, si muovevano a nord-est, facendo quotidianamente diverse razzie di materiale hi-tech.

Lo scorso 27 gennaio, dopo un’ennesimo furto ai danni del negozio Mediawolrd di Tavagnacco (Udine), i militari hanno arrestato in flagranza il veneziano, mentre M.G.G. è fuggito a bordo di una macchina a noleggio lungo l’autostrada diretto verso venezia, ma è stato intercettato dopo un lungo inseguimento da parte della polizia stradale di San Donà. Adesso, con l'arrivo delle due misure cautelari, entrambi sono finiti in carcere. Il valore commerciale della merce recuperata solo in occasione del loro arresto ammonta a circa 5mila euro euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri seriali di smartphone, tablet e droni da Mediaworld finiscono in carcere

VeneziaToday è in caricamento