menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Suona il campanello per comprare la droga, gli aprono i carabinieri

Due arresti a Quarto d'Altino sabato: era in corso una perquisizione in casa di uno spacciatore, quando si è presentata alla porta una vecchia conoscenza

Un incontro di quelli che non ti aspetti: si era presentato a casa del pusher probabilmente per fare rifornimento di droga, ma si è imbattuto nei carabinieri intenti nella perquisizione dell'abitazione. È di sabato pomeriggio l'operazione dei militari del nucleo operativo radiomobile di San Donà, che si è conclusa con l'arresto di due cittadini extra-comunitari per spaccio di stupefacenti.

Tutto ha avuto inizio con la segnalazione di alcuni residenti di un quartiere di Quarto d'Altino, che avevano notato un andirivieni sospetto di persone nei dintorni di quell'abitazione, soprattutto giovani. I servizi di osservazione successivi hanno fugato ogni dubbio: sul posto risiedeva effettivamente un pusher che di volta in volta incontrava i suoi clienti e vendeva loro la droga. Così nel pomeriggio di sabato i carabinieri sono entrati in azione, fermando in flagrante lo spacciatore mentre cedeva una dose di 3 grammi di cocaina a un 40enne del posto.

Immediatamente è seguita la perquizione in casa del pusher, G.P.O., giamaicano di 34 anni. All'interno è stato trovato un piccolo laboratorio destinato al taglio e al confezionamento della droga, con nove involucri contenenti complessivamente 10 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e sostanza da taglio. Proprio mentre la perquisizione era in corso è suonato il campanello e i militari, aprendo la porta, si sono trovati di fronte una vecchia conoscenza: I.S., 38enne del Burkina Faso, li ha guardati incredulo per un istante e poi ha cercato di darsela a gambe.

Tutto inutile, anche il 38enne è stato bloccato: già arrestato più volte in passato per spaccio, in Italia senza fissa dimora, è stato a sua volta perquisito e trovato in possesso di un involucro contente 52 grammi di cocaina. A quel punto entrambi gli stranieri sono stati dichiarati in arresto. Il 38enne è stato portato in carcere, mentre il giamaicano è rimasto nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari. Il quarantenne sorpreso ad acquistare lo stupefacente, invece, è stato segnalato alla Prefettura in qualità di assuntore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento