Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Lido / Granviale Santa Maria Elisabetta

Minaccia i passanti con un coltello, aggredisce il barista e la polizia

Arrestato un uomo di 39 anni che ha seminato il panico al Lido di Venezia

Era completamente ubriaco, ha preso un coltello e ha cominciato a minacciare i passanti. Poi, ha lanciato un tavolino contro il proprietario di un locale e, infine, ha aggredito e ferito due agenti. Non è stato facile, per la polizia, bloccare e ammanettare M.P., veneziano di 39 anni che martedì pomeriggio ha letteralmente seminato il panico in un bar di Gran Viale Santa Maria Elisabetta al Lido di Venezia. 

L'uomo, con precedenti di polizia, ha dato in escandescenza minacciando i cittadini che passavano nei pressi del locale con un coltello. All'arrivo della prima volante, ha intimidito allo stesso modo anche i poliziotti. La pattuglia in un primo momento ha cercato di avvicinarsi per riportarlo alla calma e riuscire ad identificarlo ma lui, anzichè tranquillizzarsi, ha cercato di colpirli al volto con dei pugni.

Un cliente lo ha disarmato

A quel punto, è intervenuto un cliente del bar che lo conosceva e che è riuscito a farsi consegnare il coltello. Nel frattempo, è arrivata in supporto un'altra volante e, dopo alcuni attimi di calma, il 39enne ha perso nuovamente il controllo, scagliandosi contro il proprietario del bar e scaraventandogli addotto un tavolino, tentando poi di entrare nel locale attraverso una finestra. 

L'arresto

Gli agenti ancora una volta sono intervenuti per fermarlo, ma ne è nata una colluttazione a causa della quale due di loro hanno riportato delle ferite. Solo utilizzando lo spray al peperoncino, la polizia è riuscita a bloccare e arrestare il veneziano. Mercoledì mattina è stato processato per direttissima e condannato a un anno e un mese di reclusione senza sospensione della pena. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia i passanti con un coltello, aggredisce il barista e la polizia

VeneziaToday è in caricamento