rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Santa Croce / Ponte della Costituzione

Rapina due turiste sul Calatrava, un "barbanera" finisce in manette

L'aggressione nel pomeriggio di giovedì ai danni di due giapponesi. Il 46enne si era preso con la forza il compenso per il facchinaggio abusivo

Nei mesi scorsi si era registrato un arresto simile. Sempre tra piazzale Roma e il ponte di Calatrava. Sempre a causa di qualche "barbanera" che durante la giornata si reinventa facchino abusivo. Di quelli che aiutano i turisti a portare i bagagli appena arrivati al terminal automobilistico. Stavolta a essere arrestato per rapina è stato un 46enne di nazionalità romena senza fissa dimora.

Nel tardo pomeriggio di giovedì, infatti, quest'ultimo ha avvicinato due turiste giapponesi sul ponte di Calatrava. Impossessandosi in maniera "energica" dei loro bagagli. Senza chiedere il permesso. Dopo aver superato il ponte, il facchino ha quindi preteso un compenso per il proprio servizio non richiesto. Una delle donne, dunque, ha estratto il portafoglio per una mancia di pochi spiccioli.

Ma il suo interlocutore, per nulla soddisfatto, all'improvviso ha allungato la mano impossessandosi di banconote per quindici euro. Per aiutare la coppia si sono avvicinati anche due veneziani, che sono stati presi a male parole e minacciati. I carabinieri, però, hanno avuto vita facile nel individuare l'aggressore nel vicino punto vendita "Coop" e arrestarlo per rapina. Sulla base delle descrizioni degli altri quattro protagonisti della vicenda.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina due turiste sul Calatrava, un "barbanera" finisce in manette

VeneziaToday è in caricamento