menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In aeroporto per rubare, vengono osservati dalle telecamere e poi circondati: in arresto

Tre ladruncoli fermati allo scalo di Tessera, due di nazionalità kosovara ed uno albanese. Hanno cercato di fuggire con il bottino, sono stati intercettati dagli agenti

Entrano in due nell'aeroporto, il terzo resta fuori e attende in auto pronto alla fuga. È il modus operandi adottato da tre ladruncoli che hanno tentato lunedì di derubare un ignaro turista al "Marco Polo" di Tessera, ma che per tutta la durata della loro manovra sono stati tenuti d'occhio dalla polizia di frontiera. Così i tre, cittadini stranieri di cui due di nazionalità kosovara ed uno albanese, sono finiti inevitabilmente in arresto.

I borseggiatori, giunti in sala arrivi, hanno individuato la loro vittima designata in un passeggero cinese, dopodiché l'hanno inseguito decisi a derubarlo. A loro volta erano però pedinati dal personale di polizia giudiziaria dell'aeroporto, che ha osservato con attenzione i movimenti dei due anche attraverso il sistema di video sorveglianza. Così i malviventi sono stati visti proprio nel momento in cui distraevano il cinese, che viaggiava assieme ad altre persone, per asportargli il borsello che aveva appoggiato sul carrello portabagagli. Bloccate le vie di fuga, tutti e tre sono stati fermati e tratti in arresto.

A seguito di processo per direttissima avvenuto martedì tutti gli stranieri sono stati condannati alla pena, poi sospesa, di 10 mesi di reclusione. Inoltre, per uno dei tre, è scattata la misura cautelare del divieto di dimora in Veneto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento