Blitz nel campo nomadi, vede gli agenti e prova a fuggire: in carcere

Operazione nell'accampamento di via Frassinelli a Mestre. L'uomo era ricercato per varie truffe e furti, ora deve scontare quattro anni in cella

Cercava di sfuggire alla cattura restando nascosto tra i confini dell'accampamento, ma i carabinieri sono andati a prenderlo direttamente nel suo rifugio. I militari della stazione di Spinea lo hanno individuato mercoledì pomeriggio durante un controllo al campo nomadi di via Frassinelli.

Vani i suoi tentativi di sottrarsi alla vista e ai controlli degli operatori: è stato sorpreso mentre cercava di allontanarsi furtivamente, di fatto attirando l'attenzione su di sé. Fermato, è stato identificato per F.L., 49enne di etnia Sinti: si è scoperto che l’uomo era ricercato dallo scorso agosto per diversi furti e truffe commessi in associazione con altri malviventi nella provincia di Brescia. Dopo le formalità di rito per lui si sono aperte le porte del carcere di Santa Maria Maggiore, dove lo attende una condanna da scontare di quasi quattro anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento