menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In casa un orto illegale, sequestrati 1 chilo e 200 grammi di marijuana: 43enne in manette

L'uomo, un mirese, ha deciso di costituirsi, probabilmente sapendo che la polizia locale avesse indizi in mano sul proprio conto. Sequestrate 3 piante mature e "maria" sminuzzata

Alla fine ha capito che era meglio collaborare per lui, intuendo che forse non sarebbe mai arrivato il momento del "raccolto". Un 43enne di Mira è stato arrestato sabato mattina dagli agenti della polizia locale dopo essere "crollato" e aver deciso di accompagnare gli uomini in divisa fino a casa sua. Contribuendo a individuare e sequestrare 1 chilo e 200 grammi di marijuana. S.R., ora ristretto ai domiciliari in attesa della direttissima di lunedì, ha sfruttato il proprio pollice verde in modo piuttosto redditizio (e illegale): la polizia locale ha infatti sequestrato 3 piante mature di marijuana, una borsa con 500 grammi di stupefacente "in preparazione", 8 vasi di vetro con la "maria" già sminuzzata e 4 piantine di canapa di piccole dimensioni in grado di aumentare in prospettiva la produzione. 

A quanto pare le piante venivano coltivate a terra nell'orto di casa, utilizzando tutti gli accorgimenti per assicurarsi il massimo da quanto piantato. Evidentemente gli uomini della Municipale avevano elementi in mano piuttosto stringenti per indurre il 43enne a collaborare, dopo essere stato convocato sabato mattina in Comando. Una volta conclusi gli accertamenti, per S.R. sono scattate le manette. Inevitabili. 

Il tutto mentre il giorno precedente era stato sottolineato dall'amministrazione di Mira in una nota come nel corso del 2016 siano state 6 le persone denunciate penalmente per utilizzo di stupefacenti alla guida. In questo senso la polizia locale sta rinforzando l’attività di prevenzione e controllo: anche l’attività di pattuglia serale sta dando i suoi frutti.

"Questa operazione - sottolinea il sindaco Alvise Maniero - conferma quanto abbiamo sempre detto. Gli agenti non si limitano più a fare multe per divieti di sosta o altre attività simili, ma si occupano in senso molto più ampio di sicurezza e di contrasto alla malavita. Abbiamo massima fiducia nella nuova organizzazione che abbiamo introdotto, con il turno di pattuglia serale che si sta rivelando molto utile per indagini e controlli mirati”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Sequestrate 83 tonnellate di rifiuti al porto di Venezia

  • Cronaca

    Taxi fermi: fatturato giù del 98% su acqua e dell'86% su gomma

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento