Deve scontare la pena, ma si dà alla macchia: intercettato dalla Polfer a bordo treno

L'uomo, un 61enne colombiano, era destinatario di un provvedimento di carcerazione indirizzato all'alias con identità russa che si era creato

Gravato da numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, era destinatario di un ordine di carcerazione della procura di Firenze. Nonostante il provvedimento fosse indirizzato ad un cittadino russo, gli agenti della Polfer, consultando gli archivi informatici della polizia, hanno capito che si trattava di un alias creato "ad hoc" dal 61enne cittadino colombiano che hanno sottoposto a controllo di rito nella tratta ferroviaria Chiusi-Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In carcere

La Polfer ha fermato l'uomo poco prima della stazione di Bologna, conducendolo poi fino alla stazione di Venezia, dove è stato associato al carcere di Santa Maria Maggiore, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento