menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spacciatore arrestato al bar: nascondeva le dosi di cocaina dentro l'accendino

Operazione della polizia locale a Marghera: un 41enne sorpreso con la droga, i traffici avvenivano in un cortiletto sul retro del locale. Inchiodato dal cane dell'unità cinofila

Un accendino modificato e utilizzato a mo' di contenitore per nascondere la droga. È quando hanno scoperto gli agenti del nucleo operativo della polizia locale veneziana, che mercoledì sera hanno arrestato un pusher 41enne di nazionalità tunisina, già noto per reati analoghi. Da alcuni giorni gli uomini in divisa stavano tenendo sotto controllo un bar di via Trieste, a Marghera, dove si sospettava l'esistenza di un'attività di spaccio: un sospetto era stato visto incontrare altre persone dentro il locale e all'esterno, in particolare in un cortile posto sul retro.

Trovato con la droga

Il blitz verso le 21.30 con la partecipazione di otto operatori del servizio sicurezza urbana appoggiati dall'unità cinofila. L'uomo è stato trovato nel giardino e sottoposto a perquisizione, risultando in possesso di 6 confezioni di cocaina da mezzo grammo ciascuna, tutte all'interno dell'accendino. Il pusher, disoccupato ma regolarmente soggiornante in Italia, aveva con sé anche 650 euro, che sono stati sottoposti a sequestro. È stato dichiarato in arresto e trasferito per la notte nella camera di sicurezza del Comando, quindi, la mattina successiva, al processo per direttissima. Il locale sarà segnalato al questore.

Bettin: "Bar segnalato da tempo"

"Avevamo da tempo segnalato quel bar come mal frequentato e come possibile centro di smercio di droga e ritrovo di malavitosi - commenta il presidente della Municipalità, Gianfranco Bettin, complimentandosi con la polizia locale - L’arresto conferma queste preoccupazioni ma conforta per l’efficacia dell’intervento. Pensiamo che vada anche verificata, da parte del questore, la possibilità di giungere almeno a una chiusura temporanea del locale, come è stato giustamente fatto in altre situazioni simili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento