menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il nascondiglio è sotto il cruscotto, fermato con 1,6 chili di droga

In arresto un 32enne del Vicentino: è stato sorpreso a Concordia Sagittaria mercoledì, i carabinieri hanno smontato l'auto trovando cocaina e eroina

Hanno dovuto smontare la macchina pezzo per pezzo, finché non hanno trovato ciò che stavano cercando: un grosso quantitativo di droga tra cocaina ed eroina, ben nascosto al di sotto della plancia all'interno di un vano ricavato togliendo parti del sistema di areazione del veicolo. Si è interrotta così la carriera criminale di I.E., 32enne di origini albanesi residente nel Vicentino, fermato a Concordia Sagittaria nel pomeriggio di mercoledì.

L'operazione è dei militari del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Portogruaro, in collaborazione con il personale del gruppo investigazione criminalità organizzata della guardia di finanza di Venezia. L’uomo è stato sottoposto a controllo intorno alle 16.30, mentre stava percorrendo una via del centro a bordo di una Renault Clio: a mettere in allarme gli operatori è stato il nervosismo dimostrato dal 32enne, che oltretutto non era in grado di dare spiegazioni plausibili della sua presenza in un luogo tanto distante dalla sua residenza.

Così l’uomo è stato accompagnato a Portogruaro, al comando della compagnia, mentre i carabinieri procedevano ad una prima perquisizione del mezzo senza però ottenere alcun risultato. A quel punto, ferma restando la convinzione che il conducente avesse qualcosa da nascondere, si è deciso di procedere allo smontaggio dei rivestimenti del veicolo e di altre parti della carrozzeria. Tra l'altro sonos stati tolti i pannelli delle portiere e rimosse alcune parti del sottoscocca, ancora senza rilevare nulla di anomalo.

Solo dopo aver rimosso la parte centrale del cruscotto, finalmente, è stato individuato il nascondiglio della droga: sotto la plancia, in un vano appositamente ricavato, si trovavano tre involucri termosaldati e chiusi ermeticamente contenenti, complessivamente, circa un chilo di cocaina e 6 etti di eroina. Il 32enne è stato allora arrestato per detenzione illecita di sostanza stupefacente e, su disposizione del magistrato, condotto al carcere di Pordenone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

  • Politica

    Affidato all'Europa il salvataggio delle dune degli Alberoni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento