Droga nello stabile abbandonato a Marghera: pusher fermato con un etto di eroina

Operazione della polizia locale, che stava monitorando i traffici sospetti in zona. Arrestato in flagrante

Uno stabile abbandonato di Marghera fungeva da covo e nascondiglio per un giovane spacciatore, un 30enne marocchino che è stato arrestato in flagrante dalla polizia locale mestrina lunedì sera. Era da qualche tempo che le pattuglie del Nucleo operativo tenevano d'occhio la zona tra la ex Cral Montedison e la Banchina Molini: verso le 20 gli agenti sono entrati nella fabbrica in disuso, a pochi passi dal ponte strallato, trovando l'uomo al primo piano, all'interno di una stanza con la porta chiusa.

Arresto

Con sé aveva 6 grammi di eroina in sasso, oltre a una stagnola utilizzata presumibilmente per fumare e altri 100 grammi della stessa sostanza: una quantità equivalente a 250 dosi, per un guadagno di 7.500 euro se venduta al dettaglio. A quel punto il trentenne è stato arrestato in flagranza di reato e portato in carcere a Venezia. L'operazione ha ricevuto il plauso del sindaco Luigi Brugnaro: "Grazie alla polizia locale, grazie alla magistratura", ha twittato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altre zone di spaccio 

"Ottima operazione della polizia locale, strategica per i nascondigli dello spaccio tra via Fratelli Bandiera e le banchine e gli stabili abbandonati della zona industriale - scrive il presidente della Municipalità di Marghera, Gianfranco Bettin -. Il nuovo arresto è dunque un buon segno: su questo piano la lotta prosegue concretamente e per questo siamo grati alle forze dell’ordine. Segnaliamo anche, nel frattempo, la situazione difficile creatasi nella zona tra via Rizzardi, piazzale Giovannacci e le vie retrostanti, verso via Fratelli Bandiera, in particolare le vie Bellinato e Fabris, oggetto anche di una petizione da parte di moti cittadini residenti. Alcune abitazioni abbandonate (in via Rizzardi ai numeri 33 e 37, secondo la petizione), sono diventate nuovi covi di spacciatori e di sbandati, e le zone più appartate punti abituali di spaccio e di consumo, essendo tra l’altro vicine alla stazione e a via Ulloa, e al covo, sempre mal frequentato, dell’ex scuola Monteverdi. Anche in questi punti occorre intervenire sistematicamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento