menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti di compressori dai frigoriferi lasciati in strada: padre e figlio in arresto

Un 61enne e un 18enne sono stati bloccati dai carabinieri di Bibione giovedì. Puntavano agli elettrodomestici collocati all'esterno delle abitazioni per lo smaltimento

Gli episodi erano stati segnalati già da un po' da parte del personale dell’Asvo, azienda che si occupa dello smaltimento rifiuti nel Veneto orientale. In particolare si erano accorti di furti di materiale depositato lungo la strada da cittadini residenti a Bibione per i quali era già stato concordato il ritiro: prevalentemente elettrodomestici di dimensioni medie e grandi, anche contenenti sostanze chimiche che richiedono particolari cautele e procedure in fase di smaltimento.

Così nella giornata di giovedì sono entrati in azione i carabinieri della stazione locale: grazie alle segnalazioni sono riusciti a cogliere sul fatto due uomini, padre e figlio, di origine marocchina, che avevano appena asportato 6 compressori da altrettanti frigoriferi. I due sono stati bloccati a bordo di un furgone poco dopo essere stati notati armeggiare su alcuni frigoriferi che erano stati depositati per il successivo smaltimento lungo via Andromeda.

I due, identificati in E.B.A. (61 anni) e E.B.M (18 anni), residenti nel Portogruarese, sono quindi stati arrestati per furto aggravato in concorso. I furti erano aggravati dal fatto che, durante le operazioni di asportazione, i compressori venivano staccati dal circuito di refrigerazione, con inevitabile dispersione di gas nocivi. Il giudice ha disposto per loro gli arresti domiciliari in attesa del processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento