rotate-mobile
Cronaca Jesolo / Via Andrea Bafile, 558

In manette ladro in un ristorante a Jesolo: incastrato grazie a Facebook

Luca Montino, titolare del Perla Nera in via Bafile, aveva postato il volto del malvivente sulla sua bacheca. E' stato subito travolto dalle segnalazioni degli utenti. Ora l'arresto della polizia

Alla fine ha avuto ragione Facebook. Il ladro che a inizio marzo si era introdotto nel ristorante Perla Nera di Jesolo Lido, in via Bafile 558, diventato "bersaglio" della rete è stato arrestato. Il titolare del locale, infatti, non ci aveva pensato su due volte e aveva deciso di estrapolare alcuni fotogrammi in cui si vedeva il volto del malvivente dai video di sorveglianza e postarli sulla sua bacheca Facebook.

 

"So dove sei, portami indietro tutto altrimenti ti vengo a prendere". Questo più o meno il senso del messaggio del gestore, Luca Montino. La risposta del ladro non si era fatta attendere. Una donna, presumibilmente il palo che si vedrebbe nei filmati, aveva chiamato Montino dicendo che non avrebbe dovuto pubblicare quella foto. Subito dopo il telefono le veniva strappato di mano da un uomo dall'accento straniero che minacciava di "una nuova visita". La polizia, però, è arrivata prima e lo ha ammanettato.

Luca Montino, infatti, ha fornito tutto il materiale alle forze dell'ordine, spiccando regolare denuncia. Erano fioccate chiamate e segnalazioni da parte degli utenti segnalando i movimenti del ladro (che nel fotogramma è incapucciato ma col volto visibile). Poi l'epilogo. Ieri sera Ouni Wissem Edin, 21enne di origine tunisina, è finito in manette, mentre alla sua complice, 20enne di Jesolo, è stato notificato l'obbligo di dimora. Ma la Rete ci era già arrivata più di dieci giorni fa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In manette ladro in un ristorante a Jesolo: incastrato grazie a Facebook

VeneziaToday è in caricamento