menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trambusto in sala giochi, pretende i soldi e poi forza un cambiamonete: in arresto

Intervento dei carabinieri a Santi Apostoli, Venezia. Bloccato un 30enne: aveva simulato un malfunzionamento della macchinetta, poi si era intascato i soldi "a modo suo"

Niente soldi dalla macchinetta, ma il giocatore non si rassegna e passa alle maniere forti. Protagonista della vicenda, avvenuta nella sala slot "Santi Apostoli", nell'omonico campo veneziano, è un 30enne italiano della provincia di Belluno. È il personale del locale a chiamare il 112 martedì sera segnalando la presenza di un avventore che stava dando problemi: il giovane aveva protestato con il cassiere per un presunto malfunzionamento della macchina cambiamonete che, a suo dire, non gli avrebbe restituito una somma di 50 euro.

Gli addetti verificano e dimostrano all'uomo che la macchina in realtà  è perfettamente funzionante; inoltre lo invitano il giorno seguente per assistere ad un controllo tecnico approfondito. Lui, però, non vuole sentir ragione e decide di ottenere il denaro in altro modo: pochi minuti più tardi, attrezzato con lamine e levette metalliche, forza la serratura di un cambiamonete e si intasca 90 euro.

A quel punto giungono sul posto i carabinieri del nucleo natanti, che bloccano l'uomo e analizzano i filmati registrati dal sistema di videosorveglianza. Le prove incastrano il sospetto (disoccupato e con alcuni precedenti penali), che viene posto in stato di arresto. La somma viene restituita alla sala slot, mentre per lui, la mattinata seguente, il magistrato disponde il rito direttissimo al tribunale di Venezia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento