menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fermato per un controllo, poche ore dopo arriva l'ordine di carcerazione: arrestato

La polizia locale lo ha identificato ieri mattina e lo ha rilasciato. Poi le manette

Gli agenti lo avevano già fermato e portato in comando al mattino. Qualche ora dopo, quando lo hanno rilasciato, è arrivato un ordine di carcerazione emesso dalla procura di Venezia. Quel giovane, M.B., 25enne marocchino, doveva andare in carcere. I vigili urbani lo hanno rintracciato nuovamente e arrestato. 

Il primo controllo

Il ragazzo è stato fermato la prima volta in mattinata da una radiomobile del nucleo di pronto impiego della polizia locale in via Dell'Avena a Marghera, mentre vagava tra le case con fare sospetto. Con sè non aveva documenti ed è stato portato in comando per essere fotosegnalato. Le verifiche in banca dati sul suo conto non hanno portato a scoprire eventuali pendenze, fino a qualche ora dopo, quando la procura ha emesso un ordine di carcerazione per rapina. 

Un altro arresto

Gli agenti, quindi, lo hanno nuovamente rintracciato e lo hanno accompagnato in carcere, dove il 25enne deve scontare una condanna di un anno e dieci mesi. Sempre ieri, intorno alle 17, una radiomobile del servizio sicurezza urbana ha arrestato in piazzale Rossarol a Marghera un cittadino nigeriano, E.E.J., di 35 anni, sorpreso mentre spacciava una dose di cocaina a un trevigiano di 57 anni. Quando ha visto arrivare la pattuglia, lo spacciatore ha deglutito: il pusher è stato portato in ospedale per verificare che non avesse ingerito ovuli di cocaina. Alla perquisizione gli agenti hanno rinvenuto 535 euro in banconote e due telefoni cellulari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento