Cronaca Castello / Campo Santa Marina

Il furto si tramuta in rapina: ruba lo zainetto a un operaio, che lo rincorre e lo blocca

E' successo lunedì pomeriggio in campo Santa Marina a Venezia. I carabinieri hanno arrestato un 42enne senza dimora iracheno che aveva ingaggiato una colluttazione con il derubato

L'occasione fa l'uomo ladro, dice il detto. Ma stavolta per un 42enne di origini irachene il furto si è tramutato in manette. Il malintenzionato, un senza fissa dimora che gravita sul centro storico, è entrato in azione lunedì pomeriggio in campo Marina nel momento in cui si è accorto di uno zaino apparentemente lasciato incustodito. Si è avvicinato e ha allungato la mano, impossessandosene.

Il furto si tramuta in rapina

Pensava di averla fatta franca, ma il legittimo proprietario era un operaio senegalese di 20 anni impegnato nei lavori di posa della fibra ottica che si è accorto subito di quello che era appena accaduto. A quel punto si è messo a rincorrere il ladro e tra i due, poco distante, è nata anche una colluttazione. Nel frattempo era stato chiesto sul posto anche l'intervento dei carabinieri: i militari del Nucleo natanti sono riusciti a bloccare definitivamente il fuggitivo, che, al termine degli accertamenti, è stato arrestato per rapina impropria ed è comparso davanti al giudice per la direttissima martedì mattina.

Custodia in carcere

Al termine dell'udienza il giudice ne ha disposto la custodia cautelare in carcere comminandogli una pena di 18 mesi. Non che le case circondariali il 42enne non le conosca: a ottobre 2017 era stato scarcerato a Trieste dopo essere stato detenuto per reati in materia di stupefacenti. All'interno dello zainetto, recuperato dal giovane senegalese, c'erano effetti personali, portafoglio e il pasto per la giornata di lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il furto si tramuta in rapina: ruba lo zainetto a un operaio, che lo rincorre e lo blocca

VeneziaToday è in caricamento