menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Va in commissariato per il permesso di soggiorno, la sua giornata finisce in manette

È successo nei giorni scorsi a Jesolo. Un 41enne, dopo la sospensione dell'arresto, doveva presentare la documentazione per la pena alternativa. Ma se ne era "dimenticato"

Si è presentato negli uffici del commissariato di polizia di Jesolo per portare la documentazione per il rinnovo del permesso di soggiorno, ma la sua giornata è finita con le manette ai polsi. Gli agenti dell'ufficio immigrazione, congiuntamente a quelli della sezione anticrimine hanno fatto scattare il provvedimento nei confronti di F.M., 41enne senegalese residente a Musile di Piave, dopo aver esaminato le pratiche che aveva sottoposto.

Il 41enne era stato condannato in precedenza a un anno e 2 mesi di carcere e al pagamento di 3mila euro per il reato di ricettazione, dopo essere stato beccato a vendere occhiali da sole contraffatti. Successivamente il provvedimento era stato sospeso, ma invece di portare al difensore la documentazione per richiedere una pena alternativa, l'uomo aveva ben pensato di far passare tutto in sordina.

Inevitabile che il procedimento a suo carico venisse messo in luce dai controlli degli agenti. Contattato telefonicamente dai poliziotti in merito alle pratiche di rinnovo del permesso di soggiorno, una volta presentatosi al commissariato l'uomo ha capito che la giornata non sarebbe terminata come avrebbe sperato. Dopo le formalità di rito, infatti, gli uomini in divisa hanno arrestato il senegalese, conducendolo nella casa circondariale di Venezia, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento