Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Marcon

Spacciava cocaina tra le province di Venezia e Treviso: in manette

Si tratta di un 33enne di nazionalità albanese residente a Mogliano (Treviso). I carabinieri di Marcon lo hanno arrestato su ordinanza del gip

L'innesco è arrivato da un'indagine del 2018, poi condensatasi nel 2019 attorno a D.E., 33enne di nazionalità albanese, con base operativa a Mogliano (Treviso). Pedinamenti e oltre cinquanta testimonianze hanno permesso ai carabinieri di Marcon di identificare l'uomo come gestore di una piccola ma fiorente attività di spaccio tra le province di Venezia e Treviso. Per lui sono scattate le manette e gli arresti domiciliari su ordinanza del gip di Treviso.

Le indagini dei carabinieri

I carabinieri hanno da subito accertato i rapporti tra l'uomo e tossicodipendenti della zona, documentando cessioni periodiche di stupefacente, soprattutto nel fine settimana, ad almeno 17 persone. Lo scambio delle dosi di cocaina, tutte termosaldate con la medesima modalità, avveniva in luoghi pubblici, ma comunque sempre in prossimità dell'abitazione del pusher. Si trattava di contatti molto brevi e tra le richieste telefoniche e la cessione fisica delle dosi passavano pochi minuti.

Perquisizione e arresto

Le indagini dei militari hanno evidenziato come il 33enne si fosse reso responsabile della cessione di centinaia di dosi tra le province di Venezia e Treviso. Al momento dell'arresto, le unità cinofile di Torreglia (Padova) hanno trovato all'interno della sua abitazione cocaina, marijuana, ecstasy e sostanza da taglio, oltre a tutto l'occorrente per il confezionamento delle dosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciava cocaina tra le province di Venezia e Treviso: in manette

VeneziaToday è in caricamento