menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Sorpresi a rubare, picchiano la guardia giurata: due arrestati, complice in fuga

L'addetto alla sicurezza in servizio al supermercato Eurospar di Noventa è finito all'ospedale. I carabinieri hanno portato in carcere un 30enne e una 27enne, sudamericani

Vengono sorpresi a rubare nel supermercato e per tutta risposta prendono a calci e pugni la guardia giurata, per cercare di guadagnarsi una via di fuga. Il colpo stavolta non è andato a buon fine per un trio di ladruncoli che, verso le 18 di mercoledì, avevano messo piede tra gli scaffali del supermercato Eurospar di Noventa di Piave cercando di impossessarsi di diverse borse riempite con generi alimentari. Il trio, però, ha attirato l'attenzione dell'addetto alla sicurezza, che ha intimato agli intrusi di vuotare le borse. 

A quel punto è scattata la violenza: sono stati calci e pugni per la guardia giurata, poi dimessa dal pronto soccorso con 3 giorni di prognosi. Durante la colluttazione è intervenuto in aiuto un agente della squadra mobile di Venezia, che si trovava libero dal servizio. Insieme i due sono riusciti a bloccare i malintenzionati e a chiamare i carabinieri, intervenuti sul posto in pochi minuti con il nucleo radiomobile e con il supporto di una pattuglia dei militari della stazione di Meolo.

Approfittando della confusione uno dei delinquenti è riuscito a scappare all'esterno del supermercato, rincorso a piedi dalla guardia giurata. Il fuggitivo ha raggiunto un'auto, di cui l'aggredito è riuscito a raccogliere parte della targa e a descrivere colore e modello, ha pigiato il piede sull'acceleratore e ha fatto perdere le sue tracce. I due complici, un 30enne messicano, già con diversi precedenti simili alle spalle, e una 27enne colombiana incensurata, entrambi senza fissa dimora, sono stati invece arrestati per rapina e lesioni. 

Una volta giunto sul posto, l’equipaggio del radiomobile ha ammanettato la coppia, conducendola nella caserma di via Carbonera per l'identificazione (i due erano privi di documenti). La donna ha spiegato di essere incinta, ma gli accertamenti ospedalieri hanno dato esito negativo. Alla fine quindi entrambi gli arrestati sono finiti in carcere: l'uomo a Santa Maria Maggiore, la complice alla Giudecca. Giovedì mattina la direttissima. Sempre mercoledì i carabinieri hanno denunciato per furto aggravato una 49enne e una 62enne, entrambe residenti a Eraclea. Nel corso della mattinata avevano cercato di rubare della merce nel supermercato "Prix" di via Piave. Ma sono state scoperte. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento