Tenta la rapina da MaxMara e spintona a terra la commessa: in manette

L'uomo, un georgiano di 50 anni, è stato bloccato e arrestato ieri pomeriggio dai carabinieri di Venezia, fuori dal negozio in prossimità di Rialto

Comando dei carabinieri di Venezia

È entrato nel negozio Max Mara in prossimità di Rialto come fosse un normale cliente, poi, senza dare nell'occhio - o comunque quella era la sua intenzione - si è avvicinato alla cassa per impossessarsi di un tablet. Una commessa in servizio in quel momento nel punto vendita, tuttavia, si è accorta del tentativo, ed è a quel punto che l'uomo, un 50enne di nazionalità georgiana, ha cercato di scappare strattonando e tirando i capelli alla donna, facendola cadere a terra. Sorte ha voluto che in quel momento transitassero i carabinieri del Nucleo operativo di Venezia diretti dal tenente Antonio Cavallo e coordinati dal maggiore Savino Capodivento, che hanno fermato il delinquente sul nascere, prima che potesse scappare, facendo perdere le proprie tracce.

Arrestato per tentata rapina

Dai successivi accertamenti effettuati in caserma, i militari hanno verificato come l'uomo, oltre che gravato da numerosi precedenti analoghi, fosse irregolare sul territorio e con un decreto di espulsione pendente a proprio carico. Avvisato il magistrato di turno, è stato quindi arrestato per tentata rapina e condotto in carcere a Santa Maria Maggiore, in attesa del processo per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento