Artigiani del Miranese alzano la voce: "Qui c'è troppo lavoro nero"

A farsi sentire è l'Associazione Artigiani e Piccole Imprese: "Noi siamo sottoposti a molti controlli, loro nemmeno uno. E' concorrenza sleale"

“Non versano i contributi, non pagano l’Inps, non sono iscritti alla Camera di Commercio. Nel Miranese ci sono sempre più lavoratori in nero, mentre noi siamo sommersi da normative e documenti. Questa è concorrenza sleale”. Ad alzare la voce sono gli artigiani edili del comprensorio, sempre più stufi di combattere con una burocrazia mastodontica quando ormai chiunque può improvvisarsi con dipinture, restauri e manutenzioni casalinghe. “Noi siamo obbligati a dimostrare la nostra regolarità contributiva con una mole pesantissima in termini di denaro e di incartamenti, intanto i lavori in nero spadroneggiano”: la presa di posizione arriva dall’Associazione Artigiani e Piccole Imprese del Miranese. “Questa situazione sta mettendo in ginocchio moltissimi imprenditori – spiega Nicola Bettin, capo della categoria “edilizia” per l’associazione -. Per lavorare servirebbero dei requisiti minimi. Chiediamo a gran voce la presenza di una qualifica da ottenere solo dopo aver fatto un preciso percorso professionale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Claudio Masiero, titolare dell’impresa Edilpiù di Salzano, lavora nel settore da 33 anni: “Il lavoro in nero è un problema crescente aumentato con la crisi, perché il committente guarda solo al risparmio. Così si perde in qualità e professionalità; spesso inoltre il privato non conosce i rischi che si prende portando a casa questi lavoratori, soprattutto in caso di infortuni. Quantificarli è impossibile proprio perché non sono rintracciabili. Manca un’efficiente rete di controlli specifici, viene penalizzato chi lavora regolarmente”.  Andrea Dal Corso, funzionario dell’associazione, allarga il concetto: “Quello edile è un settore troppo libero. Pensiamo anche ai costruttori e al boom di nuove lottizzazioni tra il 2000 e il 2006 in tutto il Miranese: molti si sono improvvisati impresari edili sfruttando un vuoto normativo e accedendo a mutui e finanziamenti con troppa libertà. I Comuni sono stati avvantaggiati con gli oneri di urbanizzazione, ma non c’era alcuna programmazione”.
 
Detto dei problemi, restano i numeri: nel comprensorio dal 2008 ad oggi il lavoro edile è diminuito mediamente del 30%, i ricavi sono calati addirittura oltre il 40percento. “Nel frattempo sono aumentate tasse e costi delle materie prime - spiegano Edi Pastrello di Scorzé (capo-categoria dei dipintori) e Nicola Cazzin (geometra con un’impresa a Mirano) -. Per un normale lavoro un’impresa guadagna il 5% quando va bene. In questo modo investire su attrezzature e personale è impossibile. Non si lavora più per guadagnare, ma solo per stare a galla e mantenere in piedi strutture ridotte all’osso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento