menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollente polemica sugli asili nido. Comune: "Ottimi risultati", Cgil: "Solo propaganda"

Ai dati positivi Ulss3 presentati dall'assessore Romor sul rispetto delle proporzioni insegnanti-alunni nelle scuole d'infanzia fa eco il sindacato Fp: "Servono assunzioni"

Polemica sulla gestione degli asili nido comunali fra l'assessore alle Risorse umane, Paolo Romor, e il segretario Fp Cgil, Daniele Giordano. Il primo twitta un video in cui sottolinea i dati positivi diffusi da Ulss3 sul rispetto nelle scuole di prima infanzia delle proporzioni fra numero degli insegnanti e alunni. Romor: “Riconosciuto il nostro impegno. Grazie alle maestre per l'importante lavoro svolto”. Il sindacato controbatte definendo la condivisione sul social "propaganda" e continua a sostenere la necessità di assumere altri educatori.

"L’assessore farebbe bene a leggere il documento redatto dall’Ulss 3 e i controlli che sono stati fatti e a non nasconere i disservizi che questa amministrazione sta producendo – dichiara Giordano - Se andiamo a leggere il documento si evince come i controlli siano stati effettuati solamente su tre strutture, un campione un po’ piccolo se consideriamo che i nidi sono 29".

Cgil contesta l'orario delle rilevazioni: "Svolte dalle 10.45 alle 11.20 per il nido Onda, dalle 12 alle 13 per l'Arcobaleno e dalle 11.30 alle 12.30 per il nido Al Sole. L’assessore dovrebbe sapere che i turni di servizio delle educatrici sono dalle 7.30 alle 13.30 e dalle 8.30 alle 14.30, poi dalle 9.30 alle 15.30, dalle 10.30 alle 16.30 e dalle 11 alle 17. Si vede bene dunque dagli orari che proprio in quella fascia vi è la compresenza del personale e quindi l’addensamento maggiore delle presenze. L’assessore sa bene, anche se ormai fa solo propaganda, che come sindacato, e allo stesso modo i genitori, abbiamo più volte segnalato che i problemi si verificano nella fascia iniziale quando i bambini vengono accolti o, in alcuni casi, nella fascia pomeridiana. L’assessore, inoltre, sa bene che nella fascia in cui sono stati fatti i controlli le educatrici sono già state spostate, almeno nella stragrande maggioranza dei casi, e quindi è naturale che il rapporto numerico possa essere rispettato".

La Cgil conclude: "Pensiamo che le centinaia di ordini di servizio prodotti da questa amministrazione per spostare il personale siano una vergogna che sta intaccando la qualità del servizio e mettendo a dura prova la tenuta psicofisica del personale e per questo pensiamo che servano assunzioni per rinforzare gli organici, ripristinare le supplenze per le assenze sin dal primo giorno e rafforzare i momenti di formazione e valutazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Mestre

Avviata la riqualificazione di piazzale Cialdini con il nuovo ponte sull'Osellino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento