Consegnate le ultime chiavi nel complesso dedicato all'aiuto condominiale agli anziani

La struttura Ater si trova in via Anita Garibaldi a Jesolo e conta 29 inquilini: il più giovane ha 69 anni, la più anziana 96

La struttura per anziani in via Anita Garibaldi

Le ultime chiavi in via Anita Garibaldi sono state consegnate l’altro ieri ad un inquilino di 69 anni, il più giovane del condominio. Sono quattro le case recentemente assegnate dall’Ater di Venezia, tra settembre e ottobre, ad utenti ultrasessantacinquenni, nel complesso “Sorelle Morandi” dedicato all’aiuto condominiale agli anziani.

Struttura all'avanguardia

Si tratta di una struttura all’avanguardia sul fronte della domotica e degli impianti solari, completato nel 2013 e abitato dallo stesso anno, costruito con l’obiettivo di ospitare persone con età avanzata e quindi dotato di tecnologie e sistemi impiantistici specifici per il tipo di utenza, oltre all’assistenza di un tutor che vive all’interno dello stabile. All'interno abitano 29 inquilini, la più anziana dei quali ha 96 anni.

Anziani autosufficienti

L’edificio è stato costruito sull’esempio del complesso di Campo dei Sassi ad Altobello, con 21 abitazioni (20 per gli ultrasessantacinquenni più una per il tutor) destinate all’edilizia residenziale pubblica, e più precisamente a soggetti fragili, per età e condizioni socio-economiche. Ci sono però alcune differenze: gli inquilini anziani che entrano negli alloggi tramite il "bando speciale per utenti ultrasessantacinquenni" sono tutti autosufficienti e la presenza del tutor nel condominio è di supporto, sorveglianza e coordinamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«È il futuro dell'assistenza domiciliare»

«Il futuro dell’assistenza domiciliare è questo – commenta il presidente dell’Ater di Venezia Raffaele Speranzon - complessi tecnologicamente avanzati per agevolare gli anziani, tutor e badanti che vivono nello stesso edificio e li aiutano nella quotidianità, controllando i sistemi impiantistici ma anche, semplicemente, che stiano bene ed alzino le tapparelle al mattino».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento