menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'emergenza in pista

L'emergenza in pista

"Incendio sull'aereo", emergenza al Marco Polo: era fumo dalla stiva

Allarme alle 16.10 di lunedì all'aeroporto di Tessera per un velivolo Klm con un possibile rogo nel vano cargo. Alla fine tutto è però filato liscio

Con ogni probabilità i 172 passeggeri non si erano accorti di nulla. Anzi, forse si sono stupiti di quell'ingente dispiegamento di forze dell'ordine e mezzi di soccorso in pista proprio per il loro atterraggio. Ancora una volta è scattata la "full emergency" all'aeroporto Marco Polo di Venezia: alle 16.10 di lunedì, infatti, il pilota di un aereo Klm proveniente da Amsterdam ha comunicato alla torre di controllo che una spia accesa comunicava un possibile principio d'incendio nel vano cargo.

Naturalmente l'allarme ha subito raggiunto i vari presidi di sicurezza, tra vigili del fuoco, polizia di frontiera, Suem 118. L'area di atterraggio è stata sgomberata, per permettere un veloce intervento nel caso in cui il problema fosse stato effettivo. Al momento dell'arrivo del velivolo sopra allo scalo di Tessera, però, ci si è accorti che non erano visibili fumo né tantomeno fiamme. L'atterraggio è riuscito senza problemi alle 16.26, con l'aereo che poi è stato scortato in area sicura. Dopo circa mezz'ora, quindi, la procedura di emergenza è rientrata e tutto è tornato alla normalità al Marco Polo. Una volta a terra, però, ci si è accorti che era presente effettivamente del fumo nella stiva. Sul posti i tecnici della compagnia e dei vigili del fuoco che con una termocamera hanno cercato di individuare il presunto focolaio del principio d'incendio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento