Cronaca

Covid e trasporti, Atvo fa i tamponi agli autobus

Verranno raccolti campioni nei punti interni che più vengono a contatto con le persone

Atvo ha deciso di mettere in atto un altro procedimento per aumentare il livello di sicurezza di chi utilizza i bus come mezzo di trasporto, che va ad aggiungersi a tutti quelli già previsti dall’inizio della pandemia, per la sanificazione dei mezzi stessi: i tamponi agli autobus. «La sicurezza di chi viaggia, oltre a quella dei nostri collaboratori, è prioritaria per noi – ha premesso il presidente di Atvo, Fabio Turchetto – per questo abbiamo deciso di avviare anche questo ti procedura che ci permette di dare ulteriori garanzie ai nostri utenti».

Atvo ha avviato la collaborazione Chimicambiente di Este. «Ogni settimana – spiega il direttore di Atvo, Stefano Cerchier – i mezzi che vengono utilizzati per le linee di maggiore fruizione, verranno sottoposti a tampone: ciò significa che verranno raccolti campioni nei punti interni che più vengono a contatto con le persone, come i campanelli, i maniglioni di salita e discesa e i poggiatesta. Nel caso in cui risultassero tracce di Covid-19, il mezzo verrebbe fermato e sottoposto ai trattamenti specifici». Ad oggi, dopo qualche giorno di sperimentazione, non si è verificato alcun caso. Non solo. Qualche giorno fa i Nas dei carabinieri hanno effettuato dei controlli specifici (come fatto in tutta Italia nell’ambito dei mezzi di trasporto pubblico) e tutto è risultato in ordine, sia nei mezzi che all’interno dei terminal.

Atvo è l’unica azienda in Italia, assieme alla Mom di Treviso, ad effettuare i tamponi ai bus per la verifica di eventuali tracce di Covid-19. «L’azione che abbiamo intrapreso – continua il presidente Turchetto – è una ulteriore rassicurazione per i nostri utenti, che sanno di poter viaggiare su mezzi sicuri, anche dal punto di vista sanitario».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e trasporti, Atvo fa i tamponi agli autobus

VeneziaToday è in caricamento